Inviare messaggi programmati su WhatsApp è possibile: ecco come

Sebbene non inserita tra le funzioni predefinite dell’app di Zuckerberg, esistono comunque delle soluzioni di terze parti che permettono di inviare messaggi programmati su WhatsApp.

whatsapp
(AdobeStock)

Gli smartphone costituiscono senza dubbio strumenti assai preziosi per abbattere le distanze e sentirci un po’ più vicini. In particolare, le popolari applicazioni di messaggistica (WhatsApp e Messenger di Facebook, innanzitutto, ma anche Telegram) garantiscono una comunicazione rapida ed efficace, peraltro contornata dalle immancabili emoticon e GIF. Si tratta di software evidentemente completi e apprezzati in via generale ma che, pur tuttavia, difettano di una importante funzione: la programmazione dei messaggi.

Una mancanza invero di non poco conto, anche perché è sovente diffusa la pratica di dimenticare di inviare messaggi di auguri o, peggio ancora, di ignorare comunicazioni importanti. Tale lacuna è comunque supplita da utili applicazioni gratuite per smartphone Android e iOS, che offrono per l’appunto la possibilità di pianificare i nostri messaggi. Si potrà dunque, a titolo esemplificativo, programmare in anticipo gli auguri di compleanno su WhatsApp, evitando così di dover riscrivere il testo al contatto prescelto: tali soluzioni permettono non soltanto di impostare la data di invio, ma anche addirittura l’ora ed un promemoria. Un accorgimento senza dubbio comodo per i più smemorati, ma anche per chi vuol organizzare tutte le proprie comunicazioni.

SULLO STESSO ARGOMENTO >>> Whatsapp bug non permette di visualizzare anteprime Youtube

Le migliori applicazioni che permettono di inviare messaggi programmati su WhatsApp per Android e iOS

Inviare messaggi programmati su WhatsApp
Una panoramica di SKEDit, app che permette di programmare i messaggi (screenshot Play Store)

Un’app molto utile che offre la possibilità di inviare messaggi programmati su WhatsApp è senz’altro SKEDit: si tratta di un software disponibile per smartphone Android, scaricabile gratuitamente dal Play Store e compatibile con tutti i dispositivi che hanno a bordo la versione 5.0 (o superiore) del sistema operativo mobile di Google. Una soluzione che ha innanzitutto il pregio di essere completa, in quanto non soltanto permette di programmare i messaggi su WhatsApp, ma anche di altre popolari applicazioni di messaggistica: Facebook Messenger, Gmail e i più tradizionali SMS. L’esperienza d’uso è finanche contornata dalla pianificazione delle chiamate.

Una volta aperta SKEDit, si dovrà innanzitutto selezionare il contatto a cui vogliamo inviare il messaggio programmato, attingendo per l’occasione ai numeri e alle email presenti in rubrica; si dovrà quindi scrivere il messaggio ed impostare il giorno e l’ora indicata. Non dovremo far nient’altro, visto che sarà SKEDit a far tutto per noi, inviando il messaggio di auguri o, più semplicemente, una comunicazione importante al contatto prescelto. Peraltro, l’applicazione potrà anche notificarci – laddove opportunamente impostato tra le opzioni – la presenza di un SMS programmato. Una sorta di richiesta di conferma da parte dell’app, prima dell’invio vero e proprio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Samsung Galaxy Note 10 e 10+, OK la versione Android 11 con One UI 3.0

SKEDit è disponibile esclusivamente soltanto per smartphone Android. Esiste, ad ogni buon conto, una soluzione appositamente congegnata per mandare messaggi programmati WhatsApp su iPhone: si tratta di SMS Scheduler – Auto Reminder, disponibile gratuitamente su App Store e compatibile con i dispositivi Apple che hanno a bordo iOS 12 e superiori. Le funzioni dell’app di cui trattasi ricalcano in modo pressoché fedele quelle di SKEDit: anche in questo caso, infatti, si potrà programmare un messaggio, scegliendo opportunamente il contatto tra quelli disponibili in rubrica ed impostando l’ora e la data indicata. Nel giorno selezionato, Scheduler notificherà all’utente – quasi in una sorta di promemoria – l’esistenza di un messaggio pianificato, che dovrà poi poi essere confermato (dando dunque vita all’invio vero e proprio), oppure annullato dall’utente.