WhatsApp prepara un nuovo giro di vite: rischio ban per alcuni utenti

Alcuni utenti su WhatsApp rischiano di essere bannati. L’ordine è arrivato direttamente da un giudice nel corso di un processo

whatsapp
WhatsApp, per alcuni utenti c’è il rischio di essere bannati dalla piattaforma (Adobe Stock)

Previsto a breve un nuovo giro di vite su WhatsApp. Il fenomeno della pirateria è ad oggi molto diffuso e, tra i mezzi utilizzati per diffondere il materiale rubato, ci sono anche le piattaforme di messaggistica. In questo senso, quella di Zuckerberg è – insieme a Telegram – il principale mezzo di condivisione utilizzato.

Ma cosa sta accadendo? Come riportato da WABetaInfo, la Zee Entertainment Enterprises ha scoperto che il suo nuovo film intitolato “Radhe: Your Most Wanted Bhai” è stato piratato online e molte copie sono finite su WhatsApp e Telegram. Con una dichiarazione, l’azienda ha affermato che i funzionari stanno rintracciando attivamente tutti i numeri di telefono coinvolti nell’atto della pirateria, e stanno intraprendendo le azioni legali del caso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Google, una nuova feature per combattere le fake news

WhatsApp, ecco cosa potrebbe succedere a molti utenti

WhatsApp riproduzione veloce messaggi audio
Ecco cosa potrebbe succedere già a partire dai prossimi giorni (AdobeStock)

La pirateria potrebbe costare caro ad alcuni utenti su WhatsApp. Zee Entertainment Enterprises ha intrapreso una vera e propria battaglia in questo senso. Ad essere presi di mira sono stati inizialmente molti dei siti web che condividevano illegalmente il materiale, chiedendo a tutti di stare alla larga da qualsiasi forma di pirateria per evitare azioni legali. Adesso è arrivato il turno di WhatsApp, con i creatori di “Radhe: Your Most Wanted Bhai” che hanno già trovato 8 numeri di telefono di utenti che hanno condiviso il film sulla piattaforma di messaggistica.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Redmi Note 8 2021: Xiaomi rispolvera il suo smartphone economico

La Corte ha già accolto il caso e, nell’ordinanza, ha ritenuto che la Zee Entertainment Enterprises avesse ragione. Dovranno essere interrotte immediatamente archiviazione, riproduzione, comunicazione, diffusone, circolazione, copia e vendita del film, che sia su WhatsApp o su un qualsiasi altro servizio. 

Il giudice ha inoltre chiesto a WhatsApp di sospendere immediatamente due account, dopo che la Corte ha ricevuto le prove di diffusione illegale di materiale piratato. ll caso rimane aperto e potrebbero esserci altre conseguenze a partire dal 1 giugno 2021. Un giro di vite che rischia di colpire molti utenti della piattaforma.