WhatsApp rischia una maxi multa: violate le normative Ue

Continuano i problemi per WhatsApp, che ora rischia una maxi multa per aver violato alcune normative europee

whatsapp
WhatsApp rischia una maxi multa (Pixabay)

WhatsApp nel caos. Da ormai qualche settimana, si è alzato un polverone in merito alla nuova informativa sulla privacy. Milioni di utenti hanno deciso di migrare verso la concorrenza, e persino il garante per la privacy italiano è intervenuto e si è rivolto all’Unione europea. Ma i problemi per il colosso di Zuckerberg non sono certamente finiti qui, anzi.

Stando a quanto riferisce l’Ansa, infatti, la piattaforma di messaggistica rischia una maxi multa del valore massimo di 50 milioni di euro. Il motivo? Aver violato le norme sulla protezione dei dati che vigono all’interno dell’Unione europea. Secondo l’accusa, l’app non avrebbe fornito tutte le informazioni utili agli utenti sulla condivisione dei dati con Facebook.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Nuova ondata di truffe e phishing, polizia postale lancia allarme

WhatsApp rischia maxi multa: i motivi

Novità WhatsApp Read Later
Violate normative Ue sulla protezione dei dati sensibili (AdobeStock)

50 milioni di euro di multa per aver violato le norme sulla protezione dei dati che vigono in Ue. WhatsApp sta vivendo un periodo nero, e presto potrebbe doversela vedere anche con questa pesante sanzione. Secondo quanto riferisce l’Ansa, settimana prossima il comitato Ue per la privacy si riunirà per discutere del caso, nel corso della sua plenaria con i vari rappresentanti delle autorità nazionali per la protezione dei dati sensibili. È stata l’autorità irlandese ad aver richiesto l’intervento in questo senso.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Strade con ricarica wireless delle auto elettriche: il progetto

Già per ciò che riguarda la sanzione preliminare, si tratterebbe di una delle più elevate della storia in base al Regolamento Ue per la protezione dei dati. Oltre alla maxi sanzione che potrebbe andare dai 30 ai 50 milioni di euro, potrebbe essere richiesto a WhatsApp di modificare l’intera modalità di gestione dei dati dell’utenza.