WhatsApp, “è cambiata la privacy dei gruppi”: occhio all’ultima pericolosa bufala

Nelle ultime ore, sta girando su WhatsApp una bufala relativa ad un cambio di privacy per ciò che riguarda i gruppi

whatsapp
Ennesima fake news legata a WhatsApp, questa volta riguarda i gruppi (Adobe Stock)

Soprattutto nell’ultimo anno e mezzo, WhatsApp è diventato una potente arma per cybercriminali e truffatori. Dallo scoppio della pandemia, si sono moltiplicate truffe e fake news potenzialmente molto pericolose. L’ultima di queste riguarda la piattaforma stessa e, nello specifico, le politiche sulla privacy dei gruppi.

Come spesso accade in questi casi, quando si parla di nuove regole e di WhatsApp, aumenta l’attenzione degli utenti. Chiunque teme per i propri dati, ed è già pronto ad un nuovo esodo verso la concorrenza. Questa volta, però, Facebook non ha violato nessun regolamento. Si tratta solamente dell’ennesima notizia falsa che ha iniziato a fare il giro del web: non cascateci!

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> WhatsApp, la versione beta rivela una feature inattesa: in arrivo un nuovo social?

WhatsApp, ennesima fake news in circolazione: non è cambiata la policy dei gruppi

WhatsApp maxi multa violazione leggi privacy UE
Moltissimi gli utenti colpiti, occhio a non cascarci (AdobeStock)

WhatsApp e privacy, un connubio del quale si continuerà a parlare ancora a lungo. L’ultima bufala che gira in rete parla di nuove impostazioni dei gruppi aggiornate, che vanno a colpire proprio la sicurezza delle chat. Come già detto, si tratta di una fake news in piena regola. L’azienda ha già tenuto a smentire il tutto, sottolineando come la priorità sia ora quella di salvaguardare la sicurezza in rete dei propri utenti. Non bisogna dunque preoccuparsi di eventuali fughe di dati o di condivisione dei messaggi inviati con aziende o altre piattaforme per l’advertising.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Apple, ennesima falla nella sicurezza di iPhone e iPad: scaricate subito l’update

Continua la battaglia del gigante di Zuckerberg per mettere fine a questo spiacevole fenomeno. Come sempre, l’azienda ha voluto sottolineare ancora una volta le regole base da seguire per evitare di incappare in spiacevoli situazioni. Mai fornire dati sensibili a nessuno, non cliccare su link spam o sospetti e – se avete il dubbio – cancellate messaggi potenzialmente pericolosi. È sempre bene tenere alta l’allerta, per non cascare in eventuali bufale e fake news come questa che sta circolando.