Whatsapp attacca di nuovo: NSO risponde così sul “caso Pegasus”

Gli attacchi di Pegasus, uno spyware sviluppato dalla società israeliana di armi informatiche NSO Group, che può essere installato di nascosto su smartphone (e altri dispositivi) che eseguono la maggior parte delle versioni di iOS e Android, potevano essere evitati. Perché si sapeva. Lo rivela Will Cathcart. Secondo l’amministratore delegato di WhatsApp, funzionari governativi di alto livello di tutto il mondo e alcuni della sicurezza nazionale “alleati degli Stati Uniti”, sono stati presi di mira dai governi con lo spyware del gruppo NSO in un attacco del 2019, nei confronti contro 1.400 utenti di WhatsApp.

WhatsApp (Adobe Stock)
WhatsApp (Adobe Stock)

Le rivelazioni del Progetto Pegasus del 2021 suggeriscono che l’attuale software può sfruttare tutte le versioni recenti di iOS fino a iOS 14.6. A partire dal 2016, Pegasus era in grado di leggere messaggi di testo, tracciare chiamate, raccogliere password e posizione, accedere al microfono e alla fotocamera del dispositivo di destinazione, raccogliere informazioni dalle app.

Da due anni Whatsapp aveva avviato un’indagine su NSO

Malware (Adobe Stock)
Malware (Adobe Stock)

Will Cathcart ha rivelato nuovi dettagli sugli utenti presi di mira nell’ultimo attacco hacker. L’ad della messaggistica istantanea più famosa del mondo ha affermato di aver notato dei parallelismi tra l’attacco contro gli utenti di WhatsApp nel 2019 – che ora è oggetto di una causa intentata da Whatsapp contro NSO – e le segnalazioni di una massiccia fuga di dati, al centro del progetto Pegasus. Come spiegato sul The Guardian.

LEGGI ANCHE >>> DAZN e TIM fanno un passo indietro: nuove offerte per vedere la Serie A?

La fuga di notizie conteneva decine di migliaia di numeri di telefono di individui che si ritiene siano stati selezionati come candidati per una possibile sorveglianza da parte dei clienti di NSO, inclusi capi di stato come il presidente francese, Emmanuel Macron, ministri del governo, diplomatici, attivisti, giornalisti, difensori dei diritti umani e avvocati. Nel listone ci sono alcune persone i cui smartphone hanno mostrato infezioni o tracce dello spyware Pegasus di NSO, secondo gli esami di un campione dei dispositivi condotti dal laboratorio di sicurezza di Amnesty International.

LEGGI ANCHE >>> Samsung Galaxy S21 FE in ritardo: slitta la data di presentazione

L’ultimo rapporto corrisponde a quello che abbiamo visto nell’attacco di due anni fa” ha detto Cathcart in un’intervista al Guardian. Oltre agli “alti funzionari del governo“, Whatsapp ha scoperto che nell’attacco del 2019 contro i suoi utenti erano stati presi di mira giornalisti e attivisti per i diritti umani. Molti degli obiettivi nel caso di Whatsapp “non avevano alcun motivo di essere sotto sorveglianza in alcun modo, forma o forma“.

Il 23 luglio secondo Cathcart, Shalev Hulio, CEO dell’azienda israeliana che produce il malare per conto di governi e forze dell’ordine, ha riferito di non poter controllare che cosa fanno i governi con il loro strumento che, in teoria, dovrebbe essere usato per catturare criminali e terroristi. Oltre 50mila persone sarebbero state controllate con il tool di NSO Group, indagini che Whatsapp avrebbe avviato già nel 2019 da un gruppo investigativo, in quanto sospettava dell’esistenza di uno strumento in grado di spiare gli utenti.

Cathcart attacca, NSO risponde. Secondo gli israeliani Whatsapp dovrebbe puntare il dito contro ben altro: pedofili e terroristi che sfruttano la cifratura end-to-end nelle comunicazioni offerta dall’app statunitense per scambiare messaggi, foto, video, messaggi vocali, documenti. La battaglia legale prosegue anche a colpi di parole.