Un report getta ombre su Google, Facebook e Snap: aggirerebbero la privacy di Apple

Secondo quanto si legge in un report, alcune società come Facebook, Google e Snap aggirerebbero la privacy di Apple

apple privacy 13122021 cellulari.it
Nuove ombre su Google, Facebook e Snap (Adobe Stock)

Le regole relative alla privacy di Apple sono tra le più stringenti. Tutte le varie società che operano all’interno dei device appartenenti alla casa di Cupertino sono tenute a rispettarle. O meglio, così dovrebbe essere. Nei giorni scorsi, infatti, è spuntato un report secondo cui diversi colossi starebbero aggirando i termini di servizio.

Grazie a The Information, sono emersi ulteriori dettagli che spiegano quali sono i trucchi adottati – tra le altre – da Google, Facebook e Snap. Pare che siano stati ottenuti più dati ed informazioni dagli utenti Apple rispetto al consentito, nonostante in passato siano stati negati i consensi al tracciamento per le suddette app.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Da PostePay a PosteID: server down e gravi disagi per gli utenti. Cosa sta accadendo

Violazione privacy Apple, ecco cosa sta succedendo

apple privacy 13122021 cellulari.it
Starebbero aggirando i termini sulla privacy di Apple (Adobe Stock)

Stando a quanto riferisce un report, poi approfondito da The Information, alcune grandi aziende starebbero aggirando le regole sulla privacy di Apple. Nello specifico, tutto ciò risulta possibile perché almeno un passaggio fondamentale risulta interpretabile. Motivo per cui, si può ricorrere a scorciatoie. I termini di Apple impediscono il monitoraggio degli utenti e il collegamento tra dati utente o dispositivo tra servizi e app differenti. Questo sistema non viene però spiegato con precisione, in particolare per ciò che riguarda la parte del ‘collegamento’.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Xiaomi 12 Pro senza segreti: le nuove immagini sciolgono ogni dubbio

Snap sta sfruttando una soluzione alternativa denominata “Conversioni avanzate“, così da ricevere informazioni dettagliate dalle società pubblicitarie sulle attività degli utenti Apple. Secondo il report, questo avviene anche per coloro che non hanno acconsentito al tracciamento. Anche Facebook e Google starebbero sfruttando soluzioni molto simile. Ad oggi, non sono ancora arrivate dichiarazioni ufficiali in merito. Ma ci saranno sicuramente novità già a partire dai prossimi giorni, sia da parte di Apple che delle suddette aziende.