UFO, parola di Barack Obama: “Esistono, ma non sappiamo cosa sono”

In perfetto “politichese” Barack Obama non cade nel tranello di una frase fuori posto sugli UFO, ma dalla sua intervista a Corden in “The Late, Late Show”, è fin troppo evidente che qualcosa di inspiegabile c’è lassù, oltre il pianeta Terra.

Ufo (Adobe Stock)
Ufo (Adobe Stock)

I funzionari del governo degli Stati Uniti non sono sicuri di ciò che i video stanno catturando e non possono spiegare come quegli oggetti possano sfrecciare e muoversi nel modo in cui lo fanno”.

UFO o UAP, stessa cosa: il tema diventa di rilievo mediatico

Disco volante (Adobe Stock)
Disco volante (Adobe Stock)

The Late, Late Show è un programma televisivo molto di moda negli Stati Uniti (e non solo), condotto da James Corden vanta milioni di spettatori. “Esistono video e immagini in cui compaiono oggetti volanti, che non sappiamo esattamente cosa siano. Non siamo in grado di spiegarne il comportamento in volo, come facciano a volare in quel modo o a seguire quelle traiettorie“.

LEGGI ANCHE >>> Cannabis, un rimedio contro il mal di testa: ora anche l’Occidente sperimenta

L’ex presidente degli Stai Uniti d’America non si riferisce a fantomatici alieni. Questo no. E’ chiaro. Credere che gli UFO siano reali non vuol dire credere agli alieni. D’altronde UFO è un acronimo di Unidentified Flying Object o Unknown Flying Object, ovvero oggetto volante non identificato, con cui si indica genericamente ogni fenomeno aereo le cui cause non possano facilmente o immediatamente essere individuate da un osservatore.

LEGGI ANCHE >>> Variante indiana, prime conferme: Pfizer/BioNTech e Moderna funzionano?

La United States Air Force, che coniò il termine nel 1952, ha inizialmente definito UFO quegli oggetti che rimangono non identificati in seguito alle verifiche di esperti, anche se oggi il termine è cambiato, si usa UAP, acronimo di Unidentified aerial phenomena, si riferirsi a qualsiasi avvistamento apparente non identificabile, indipendentemente dal fatto che si sia effettivamente verificato.

Il mese prossimo, l’intelligence statunitense sarà tenuto a fornire ai comitati dei servizi armati e dell’intelligence del Congresso un rapporto non classificato sui “fenomeni aerei non identificati“. Tale requisito è stato inserito nell’enorme proposta di legge sullo stimolo al coronavirus da 2 trilioni di dollari, approvata dal Congresso e firmata dall’allora presidente Donald Trump alla fine dell’anno scorso.

E non è solo il rapporto al Congresso. Come ha notato Zachary Cohen della CNN: “Quel rapporto deve contenere analisi dettagliate dei dati e dell’intelligence sugli UFO raccolti dall’Office of Naval Intelligence, dalla Unidentified Aerial Phenomena Task Force e dall’FBI, secondo la direttiva del comitato di intelligence del Senato”. Il tema degli UFO, o UAP tanto è la stessa cosa, diventa di rilievo mediatico e quindi di dominio pubblico a testimonianza che è tutto vero, a prescindere dal “politichese” di Barack Obama.