Twitter, novità in arrivo: avviserà chi mette like a fake news

Grossa novità in arrivo sul social network Twitter. Chi metterà like ad una fake news, verrà avvisato con un pop up istantaneo

Tra i social network più apprezzati ed utilizzati del momento, c’è sicuramente Twitter. Immediato e molto intuitivo, permette a chiunque di esprimere un proprio pensiero o lanciare una notizia in pochi caratteri. Questo grande vantaggio si tramuta però spesso in un’arma a doppio taglio: sono infatti tantissime le fake news che vengono “cinguettate” da molti utenti.

Da anni Twitter si sta battendo per debellare tutte le bufale che girano in rete e, in particolare, sui propri server. A breve dovrebbe arrivare una nuova funzionalità molto utile e interessante in questo senso, che permetterà agli utenti di individuare quali notizie sono vere e quali invece sono state inventate di sana pianta. Andiamo a vedere nel dettaglio la novità in fase di rollout.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Huawei P50 in arrivo ad inizio 2021? I rumors a riguardo

Twitter, come funziona il sistema anti fake news

twitter
In cosa consiste il nuovo strumento (Pixabay)

La nuova feature anti fake news dovrebbe presto essere disponibile per tutti gli utenti su Twitter. Mettendo like ad una notizia fuorviante, arriverà subito un avviso sotto forma di pop up che avviserà l’utente in questione che si tratta in realtà di una bufala. Inoltre, verranno introdotte alcune etichette che mostrano immediatamente quei tweet e post ritenuti poco veritieri o completamente inventati. La campagna anti fake news portata avanti da Twitter ha subito una grossa accelerata con l’avvento del Covid-19 e con le ultime elezioni Usa 2020. 

Già ora ci sono alcuni strumenti utili che permettono di evitare la diffusione di queste bufale, e hanno ricevuto molte critiche positive da parte dell’utenza. Per esempio, se si prova a ritwittare una fake news compare un avviso che chiede se vuoi davvero condividere quelle informazioni.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Apple, il chip Silicon M1 ed i nuovi MacBook: smontati completamente