Si moltiplicano le truffe online, la Polizia Postale lancia l’allarme: ecco cosa fare

È ancora allarme truffe online. La Polizia Postale ha lanciato l’allarme con una nota ufficiale sul suo sito: ecco cosa fare per proteggersi

truffe online
Truffe online, la Polizia Postale ha nuovamente lanciato l’allarme (screenshot Facebook)

Soprattutto negli ultimi tempi, il web sta venendo colpito da moltissime truffe e tentativi di phishing sempre più articolati e difficili da contrastare. Tra fake news, email farlocche, SMS che invitano a cliccare su link e chi più ne ha più ne metta, è sempre bene diffidare da qualsiasi mittente non verificato al 100%.

La stessa Polizia Postale ha deciso di lanciare nuovamente l’allarme, pubblicando una nota ufficiale sul proprio sito ufficiale e dando alcuni aggiornamenti agli utenti ignari di quello che sta accadendo nella “parte oscura” dell’internet. Ecco cosa bisogna fare per difendersi al meglio dalle truffe online ed evitare di incappare in guai molto seri.

POTREBBE INTERESSARTI ANHCE >>> Giocatore punito dall’allenatore perché è l’unico ad avere uno smartphone Android

Truffe online, i consigli della Polizia Postale per difendersi al meglio

polizia postale
L’ultimo tentativo di phishing riguarda la Banca di Credito Cooperativo Roma (screenshot Facebook)

È ancora allarme truffe online, con la Polizia Postale che ha deciso nuovamente di mettere in guardia gli utenti della rete con alcuni consigli utili. Nello specifico, a far scattare il campanello d’allarme una campagna di phishing attraverso email apparentemente riconducibili alla Banca di Credito Cooperativo Roma. Il messaggio fa riferimento ad un nuovo accordo tra l’istituto di credito e la Apple, con l’obiettivo di rafforzare ulteriormente la sicurezza delle transazioni e dei conti via rete. C’è il classico link che fa scattare la truffa, da non cliccare per nessun motivo. Qualora un utente ignaro dovesse cascarci, verrebbe rimandato ad una pagina fake identica all’originale.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Un nuovo report rivela quanto tempo passano gli italiani su Internet

Qui c’è un form dove inserire i propri dati personali e/o bancari, apparentemente per applicare il nuovo sistema di sicurezza per le transazioni. Ovviamente non è però così, e anzi tutto ciò che viene inserito passa in mano ai cybercriminali con obiettivi fraudolenti. Il consiglio della Polizia Postale è quello di far sempre molta attenzione ai link inviati per messaggio, e di aprirli solo dopo aver verificato la veridicità del mittente. Bisogna inoltre sempre evitare di inserire i propri dati personali, in particolare quella bancari.