Tencent, il riconoscimento facciale limiterà l’accesso ai videogiochi

La tecnologia di riconoscimento facciale di Tencent impedirà a bambini e ragazzi di accedere ad alcuni videogiochi nelle ore serali ed oltre un limite giornaliero prestabilito.

Tencent riconoscimento facciale
Il gigante del tech reinforzerà le normative sui limiti ai videogiochi (Unsplash)

Tencent, il colosso cinese del mobile gaming che domina indiscusso le classifiche mondiali di un’industria da 120 miliardi di dollari, ha rilasciato un sistema di riconoscimento visivo che impedirà ai bambini di videogiocare dopo un determinato orario. Il provvedimento risponde alla problematica crescente, intensificata dalla pandemia, dell’eccessivo uso di videogiochi, in linea con le normative già messe in atto in Cina.

Nel 2019, il governo cinese ha approvato una legge contro la dipendenza da videogiochi che limita il tempo di utilizzo dei software di gioco per bambini e adolescenti: 90 minuti al giorno durante la settimana, e tre ore nel weekend e durante le feste. La legge prevede, inoltre un coprifuoco dalle 22:00 alle 8:00 di mattina, una regolamentazione che verrà rinforzata tramite la tecnologia messa a disposizione da Tencent, che bloccherà l’accesso ad alcuni videogiochi.

LEGGI ANCHE >>> Xiaomi svela dietro le quinte i rigorosi test sulle batterie degli smartphone – VIDEO

Come funzionerà Midnight Patrol, il riconoscimento facciale contro la dipendenza da videogiochi

Riconoscimento facciale gaming (1)
(Unsplash)

Il sistema, chiamato “Midnight Patrol“, ovvero “La ronda di mezzanotte“, condurrà un’operazione di scan del volto del giocatore davanti allo schermo del computer ed analizzerà le informazioni rilevate a confronto con un database di nomi e volti registrati per verificare l’età al momento dell’accesso. Se indentifica un bambino o un adolescente che prova a giocare oltre gli orari prestabiliti, impedirà l’accesso al videogioco fino al “reset” del giorno successivo.

La verifica dell’identità è obbligatoria: non è possibile, almeno per ora, aggirare Midnight Patrol. Se i videogiocatori provano ad evitare il riconoscimento facciale, il sistema registrerà l’utente automaticamente come minorenne e bloccherà l’accesso al software di gioco, che verrà chiuso immediatamente. Se un adulto viene accidentalmente identificato come minorenne, avrà la possibilità di eseguire Midnight Patrol una seconda volta per accedere al videogame.

LEGGI ANCHE >>> Uno spyware dietro a diversi omicidi: la scoperta scioccante

Il sistema sarà implementato su circa 60 titoli Tencent, tra cui Glory of the King e Peace Elite. League of Legends non è ancora, al momento, regolamentato, ma potrebbe fare la sua comparsa nella lista dei giochi monitorati in un prossimo aggiornamento.