Sørloth, chi era costui? Sui social meglio di Cristiano Ronaldo: costretto a cambiare smartphone

Figlio d’arte. Suo papà, Goran Sørloth, ex giocatore professionista fu felicissimo quando suo figlio Alexander scelse di ripercorrere le sue orme, ma mai si sarebbe aspettato che l’attaccante della nazionale norvegese divenisse re per un giorno, più di Cristiano Ronaldo, il giocatore con più follower su Instagram.

Instagram (Adobe Stock)
Instagram (Adobe Stock)

Annata un po’ così per il centravanti scandinavo del Lipsia, a lungo capolista di Bundesliga prima che il Bayern mettesse il turbo e salutasse l’allegra compagnia e alzasse il Meisterschale, il “piatto” più famoso del calcio tedesco. 29 presenze, appena cinque gol e due assist per l’ex Bodø/Glimt, giocatore fisico, bravo a tenere palla e di piede mancino. Ma con il Lipsia l’esperienza giunge al capolinea. I turchi del Trabzonspor lo rivogliono. E qui comincia un’altra storia, molto più alla moda.

Sørloth, un post da più di tre milioni di commenti: l’amore dei tifosi del Trabzonspor

Instagram (Adobe Stock)
Instagram (Adobe Stock)

Nelle ore successive ai rumors di mercato, il profilo Instagram di Alexander Sørloth è stato invaso dai tifosi del club turco, che hanno lasciato messaggi per convincerlo a lasciare Lipsia per tornare nella città di Trebisonda sotto la sua ultima foto di Instagram. Il post diventa a di poco virale: con più di 3,2 milioni di commenti, Alexander Sørloth diventa il calciatore più commentato nella storia con. Non solo: i tifosi turchi risalgono perfino al suo cellulare, inviandogli poi centinaia di messaggi e obbligandolo a cambiare numero.

LEGGI ANCHE >>> Musk, oltre Baby Shark: tutti i tweet che hanno fatto impazzire gli investitori

La motivazione, parziale, di cotanto amore incondizionato è che Alexander Sørloth al Trabzonspor ha spaccato: 33 gol in 49 presenze nell’annata in prestito nel club di Trrebisonda, non certo minimamente paragonabili ai suoi 5 gol in 29 presenze in Bundesliga.

LEGGI ANCHE >>> Huawei P50, il design è ufficiale, ma non ha data di lancio: ecco perché

Alexander Sørloth ha cominciato la carriera in patria con il Rosenborg, debuttando l’11 luglio 2013, nel primo turno di qualificazione all’Europa League 2013-2014, subentrando a John Chibuike e andando a segno al debutto (7-2) contro i Crusaders. Il 19 dicembre 2014 Sørloth passa al Bodø/Glimt con la formula del prestito annuale, chiudendo l’annata 29 presenze e 14 reti, tra campionato e coppa.

L’esperienza in patria dura fino a fine 2015, quando l’attaccante di Trondheim, classe 1995 vola in Olanda per indossare la maglia del Groningen, firmando un contratto di quattro anni e mezzo. Ma la sua avventura dura molto meno: in Ere Divisie non va (6 reti in un anno e mezzo) così Sørloth viene ceduto ai danesi Midtjylland. Va molto meglio (14 gol in appena 5 mesi), così il Cristal Palace lo porta in Inghilterra.

Sørloth ha fatto tutta la trafila delle nazionali norvegesi, dall’Under 16 all’Under-2,1 debuttando con la maggiore del cittì Høgmo nel 2016, in vista delle sfide contro Portogallo, Islanda e Belgio.
Ma gli alti e bassi contraddistinguono la sua carriera. Gent, poi Trabzonspor, quindi Lipsia. La sensazione è che il suo gol più prestigioso l’ha messo a segno sui social, anche se poi è stato costretto a cambiare smartphone.