Sony ci pensa su: un gamepad per gli smartphone

Brevetto non fa rima con anticipazione. Può essere ideato e messo lì, approvato ma senza nessuna continuità. Intanto c’è, è un progetto. E come tale va pensato: Sony starebbe pensando di pianificare e produrre un controller mobile PlayStation. Un gamepad per gli smartphone.

Sony (Adobe Stock)
Sony (Adobe Stock)

Il brevetto, pubblicato questa settimana dalla divisione giapponese di SIE, descrive un sistema per giocare su un dispositivo accoppiato a due impugnature del controller. Il controllore, più vicino a quello della PS4 ‘s DualShock 4, anziché PS5 ‘s nuova DualSense, viene descritto come “una porzione di presa laterale sinistra ed una porzione di impugnatura destra, afferrata dalle mani destra e sinistra dell’utente”.

Secondo il brevetto, Sony avrebbe disegnato un dispositivo simili a già altri esistenti sul mercato, con una grande differenza, quella “slot” per un ipotetico smartphone. Non è la prima volta che la multinazionale conglomerata giapponese con sede a Minato, un quartiere di Tokyo, tenti di unire l’inverso gaming con quello mobile, tipo Sony Xperia Play. Chissà che questa non sia la volta buona.

Sony vuole unire i due mondi: i tempi sembrano maturi

Sony Xperia (Adobe Stock)
Sony Xperia (Adobe Stock)

Il brevetto sembra arrivare al momento giusto, nel bel mezzo di una nuova spinta al gioco mobile da parte del produttore di PlayStation. Se un dispositivo del genere dovesse concretizzarsi, infatti, potrebbe essere utilizzato in combinazione con uno smartphone per giocare ai giochi PlayStation tramite Remote Play o tramite il cloud, in modo simile a come le impugnature del controller di terze parti possono essere attualmente utilizzate per giocare ai giochi Xbox in streaming. D’altronde un controller PlayStation sono già compatibili con i dispositivi mobili tramite Bluetooth. Non solo.

LEGGI ANCHE >>> Con Amazon, puoi vincere la maglia della tua squadra preferita

Un altro tassello, dunque, si aggiunge a quest’idea di una Sony sempre più propensa a unire i due mondi. Lo scorso ottobre, SIE ha nominato l’ex capo dei contenuti di Apple Arcade, Nicola Sebastiani, alla guida delle operazioni mobili dell’azienda, a seguito di annunci di lavoro che affermavano che stava aprendo una nuova business unit per adattare i suoi “franchising più popolari” al mobile.

LEGGI ANCHE >>> Vodafone lancia la Infinito Black Plus Special Edition, con vantaggi illimitati anche in Europa

A novembre, poi, il boss di PlayStation, Jim Ryan, ha confermato che il titolare della piattaforma stava pianificando di portare alcuni dei suoi “IP iconici” sui dispositivi mobile durante l’esercizio in corso che si concluderà a marzo 2022. “Abbiamo pensato a come i giocatori si divertono con i nostri contenuti e abbiamo avuto qualche successo iniziale sperimentando giochi e app per dispositivi mobili per offrire più scelta ai giocatori – afferma – il mobile è solo una delle aree che stiamo esplorando per raggiungere milioni di giocatori oltre le nostre piattaforme”.

L’ok al brevetto sembra seguire l’iter di tempi quasi maturi: “PlayStation ha un enorme catalogo di diversi IP proprietari che possono passare ai giochi per smartphone e completare i nostri giochi AAA o giochi di servizio dal vivo – conclude Jim Ryan – stiamo esplorando il mercato mobile con alcuni fantastici franchise PlayStation, quindi restate sintonizzati”.