Smartphone usato, attento a come lo scegli: il rischio è di finire in tribunale

Il cellulare ha una importante funzione nella nostra vita quotidiana, e possiamo dire che per milioni di persone è un oggetto del quale non si può fare a meno. Come sappiamo, infatti, con lo smartphone ormai è possibile fare tutto, e sembrano lontani i giorni in cui era nato solo con il fine principale di comunicare in maniera più veloce. Oggi con il cellulare si fa tutto, davvero!

Secondo il Global Digital Report 2022 dell’agenzia We Are Social, in Italia rispetto al 2021, ci sono 100 mila cittadini in meno e 643 mila cellulari in più. Questo dato fa riflettere su come ormai il cellulare abbia preso in mano gran parte della nostra vita, che piaccia o meno, nel bene e nel male. Ed è proprio ai problemi che possono nascere a causa del cellulare, che bisogna fare attenzione. Ne parliamo qui.

Ricettazione per cellulare
Problemi con la legge per cellulare

In Italia ci sono dunque circa 78 milioni e 220 mila telefonini. Un dato impressionante, ma allo stesso tempo che ci conferma quanto questo piccolo oggetto sia parte di noi e delle nostre attività. Ma molti non sempre possono acquistare l’ultimo modello o un cellulare nuovo, e decidono di comprarne uno usato.

Reato di ricettazione, occhio all’acquisto

Il mercato dei cellulari usati è molto ampio, e tantissime sono le persone che si rivolgono a rivenditori per acquistare uno smartphone a prezzi giusti per le loro tasche. Il mercato dell’usato come sappiamo è molto ampio, soprattutto in tema di telefonini, sia in internet che offline. Sono moltissimi, infatti, gli annunci ad esempio, che si possono trovare online con prezzi vantaggiosissimi di cellulari praticamente nuovi. Ma come facciamo a sapere se si nasconde una truffa? A venirci in soccorso sono i consigli di laleggepertutti.it

Acquisto online
Comprare cellulari usati

Purtroppo quello che ci viene detto subito è di fare attenzione in particolare al rischio di un processo per ricettazione, e si porta l’esempio di una sentenza che ha depositato la Cassazione. La Corte ha fornito una serie di suggerimenti per chi è in cerca di affari sulla rete e intende comprare cellulari usati. “Se acquisti uno smartphone usato e poi si scopre che è stato rubato sarai inquisito per il reato di ricettazione. La ricettazione è quell’illecito penale che scatta tutte le volte in cui qualcuno compra cose provenienti da un delitto come appunto il furto o la rapina. Ecco perché se colui che vuol venderti il cellulare lo ha in realtà ottenuto in modo illecito, ad andarci di mezzo sarai anche tu”, spiega il sito specializzato.

Per la legge, in pratica, se hai accettato l’acquisto e hai comprato il bene, seppur risultato rubato, non sarà la buona fede a evitare dei problemi. “I giudici hanno respinto la tesi difensiva secondo cui «la mera indifferenza» del compratore rispetto alla «possibile natura illecita del bene» dovrebbe far venire meno i presupposti per parlare di «ricettazione»”.

Quindi, per farla breve, “per la ricettazione è sufficiente che l’acquirente abbia consapevolmente accettato il rischio che la cosa acquistata o ricevuta fosse di illecita provenienza”.