Smartphone e prezzi, quali sono quelli che si svalutano di più

Uno studio condotto da BankMyCell ha permesso di conoscere quali sono gli smartphone che si svalutano. Ecco il report del 2019

Smartphone
Smartphone analisi vendita (pixabay)

Ogni giorno si assiste ad una novità in campo tecnologico e mobile. Infatti non è raro vedere uscite continue di modelli di smartphone sempre nuovi e dalle caratteristiche eccelse. Cosa succede pertanto ai vecchi modelli? Come si comportano in relazione al mercato?

Ovviamente si deve considerare sempre la natura del device. Questo può essere economico, da lavoro oppure anche extralusso. Ciò incide sul valore di mercato, permettendo anche di valutare un acquisto di seconda mano. Ma è risaputo che non è facile dare un prezzo a quanto detto.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> And The winner is… Channel 4 e la Regina Elisabetta: il deepfake del 2020

Smartphone che si sono svalutati di più nel 2019

Smartphone
Smartphone analisi vendita (pixabay)

Questo ovviamente comprende anche una progressiva svalutazione dei modelli. Il sito BankMyCell ha condotto uno studio accurato che è riuscito a dare una risposta. Ha registrato, nello specifico, circa 300 valori nel corso del 2019. È da sottolineare il fatto che l’analisi è stata condotta su suolo americano, ma comunque ha prodotto dei dati molto interessanti.

La cosa che salta subito agli occhi è che gli Android sono più soggetti alla svalutazione rispetto agli iPhone. Difatti, mentre quest’ultimo perde circa il 23,45% del proprio valore durante un anno, Android addirittura tocca il 45,8%. Invece, per i top di gamma, il dato è pressoché lo stesso ed è del 48,65%. Parlano invece di LG, Google e Motorola si passa addirittura ad un totale tra il 51% ed il 59%.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Il pilot del Signore degli Anelli firmato Amazon è completo

Tuttavia, il device che si è svalutato di più nel corso del 2019 è proprio l’iPhone 5. Nonostante sia un dato che vada contro il precedente report, purtroppo questo modello di iPhone ha subito un calo impressionante. Basti pensare che il valore attorno al quale si attesta la sua svalutazione è del 93,10%. Una percentuale non certo da sottovalutare.