Smart working e bollette, quanto consumiamo quando lavoriamo da casa

Un’analisi di SOS Tariffe ci permette di capire quanto consumiamo quando lavoriamo da casa, cioè in smart working: tutti i dati dell’indagine

smart working
smart working, quali sono i consumi in casa (pixabay)

Nel periodo della pandemia ha preso piede il fenomeno dello smart working, parola rubata impropriamente all’inglese ma coniata in Italia, che ha permesso a molti di continuare a lavorare da casa grazie ad un pc ed una connessione. A lungo andare, questo modo di lavorare si è tradotto in conti più salati in bolletta. A fare un’analisi di tale situazione è SOS Tariffe. Si tratta di una media di 145 euro all’anno di incremento per i single, di 193 euro l’anno per le coppie ed addirittura 268 euro per le famiglie. Nel conteggio c’è anche lo smart learning (formazione aziendale a distanza).

LEGGI ANCHE—> Social network cresciuti del 13% con il Covid-19: i dati

Smart working, pro e contro: intanto il governo pensa ad un bonus dedicato

L’indagine si sofferma solamente sull’aumento delle bollette, ma non tiene conto dei risparmi altrove od altri costi aggiuntivi. In questo periodo sono state ridotte le spese relative alle spese degli spostamenti, che sia con auto o mezzi pubblici.

LEGGI ANCHE—> Motorola mostra ricarica wireless a distanza – VIDEO

Nuovi oneri, sicuramente, sono stati gli acquisti di dispositivi come smartphone, laptop, router, access point, webcam, stampanti ed altri. Va inserita anche l’impossibilità di utilizzare buoni pasto e di farsi riconoscere gli straordinari. Il prossimo mese, comunque, il governo potrebbe erogare il bonus smart working anche se ad ora non sono molto chiari i dettagli su di esso. Le modalità di erogazione potrebbero essere sconti in bolletta. Questo incentivi, in termini economici, potrebbe andare dai 150 ai 300 euro per ogni singola persona.