Sito del Ministero del Lavoro, i dati sensibili dei cittadini facilmente violabili

Il sito ufficiale del Ministero del Lavoro è stato attaccato e facilmente  penetrato in queste ore. Ecco cosa è successo. 

Ministero del Lavoro
Ministero del Lavoro e il problema alla sicurezza (via ML)

Ancora una volta problemi alla sicurezza per un’importante Istituzione italiana. Infatti in queste ore il sito ufficiale del Ministero del Lavoro è stato trovato incredibilmente debole ed esposto a degli importanti penetrazioni da parte di alcuni utenti. Non proprio il massimo della sicurezza per milioni e milioni di lavoratori che, registrati al sito, sono stati difatti vittima di una violazione importante della privacy.  Perché veramente chiunque volesse entrare e sapere molto di più su ciascuno dei lavoratori che sono registrati sul sito.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Digitale terrestre e switch off, scatta l’allarme: “Necessario il rinvio”

Sito del Ministero del Lavoro esposto a problemi di sicurezza

Ministero del Lavoro sigla
Ministero del Lavoro sigla (via ML)

A causa di un problema nella sicurezza, basta veramente pochissimo per chiunque avesse un minino di conoscenza informatica per penetrare la pagina ufficiale del Ministero del Lavoro. Qui, in seguito alle novità fatta dallo Stato per l’inserimento di dati dei lavoratori, tutto è diventato sempre più informalizzato. E anche più facilmente penetrabile. Perché per chi volesse farlo, tramite un paio di accorgimenti, era possibile entrare nelle banche dati private dei lavoratori e mostrare esattamente una lunga serie di informazioni private e sensibili che dovrebbero essere segrete. Immediatamente sono arrivate le scuse del Ministero del Lavoro, che ha affermato di aver migliorato la propria difesa informatica. Di seguito il comunicato ufficiale condiviso, con ringraziamento a DDay.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> iPhone pieghevole, ancora rumors sulla data di uscita

Si ringrazia della segnalazione e si comunica che i tecnici della Direzione competente hanno tempestivamente dapprima oscurato l’applicazione per consentire di verificare quanto segnalato e successivamente corretto il “baco” da lei evidenziato nella mail.