Digitale terrestre e switch off, scatta l’allarme: “Necessario il rinvio”

Manca sempre meno allo switch off definitivo del Digitale Terrestre allo standard DVB-T2. Confindustria ha lanciato l’allarme: “Necessario il rinvio”

digitale terrestre
Digitale Terrestre, Confindustria chiede il rinvio dello switch off (Adobe Stock)

È ormai noto a tutti il prossimo switch off del Digitale Terrestre allo standard DVB-T2. Il cambio di frequenze è già iniziato da diverse settimane, con canali nazionali e regionali che hanno cambiato numerazione o sono addirittura stati cancellati. Cambia l’offerta gratuita per tutti i residenti in Italia, con una qualità audio e video mai vista prima ma che obbligherà ad un cambio della televisione o del decoder.

Le discussioni in merito a questa rivoluzione continuano e, con una lettera inviata al titolare del MISE, è scattato l’allarme da parte di Confindustria Radio TV. Nello specifico, è stato richiesto un incontro urgente col Ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti per discutere di un rinvio dello switch off.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cashback, che spavento per gli utenti: sta succedendo in queste ore

Digitale Terrestre, Confindustria chiede il rinvio dello switch off

digitale terrestre
Le motivazioni alla base di questa richiesta (Adobe Stock)

Lo switch off del Digitale Terrestre allo standard DVB-T2 si farà, resta ora da capire con quali tempistiche. Se la roadmap sembrava già tracciata da tempo, ora qualcosa potrebbe cambiare. A lanciare l’allarme Confindustria Radio TV, che ha richiesto un incontro urgente col Mise. “Ci sono molti motivi di allarme sulla corrispondenza tra le tempistiche annunciate e le tappe di avvicinamento ai passaggi più delicati” scrive il presidente Franco Siddi: “Richiediamo un incontro urgente per un’adeguata valutazione della situazione, non solo in termini tecnocratici. Bisogna assumere determinazioni realistiche conseguenti nel più breve tempo possibile“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Cobra Kai, in arrivo la quarta stagione: ecco quando dovrebbe uscire

Alla base di questo ribaltone, ci sarebbe un appunto fatto da Confindustria: milioni di persone non saranno in grado di ricevere il segnale col primo mutamento intermedio. Si parla di ciò che avverrà a settembre, quanto ci sarà lo spegnimento dell’MPEG-2 a favore dell’MPEG-4. Già qualche giorno fa, Repubblica parlava di circa 36 milioni di apparecchi TV a rischio inutilizzo.

Un altro fattore determinante è l’impatto della pandemia, che ha portato a ritardi importati nei processi di liberazione e rassegnazione degli assetti per gli operatori di rete. Altro punto è il bonus TV da 50 euro, sul quale si potrebbe discutere di un eventuale aumento.