Sensi di pipistrello, 15 persone li hanno sviluppati: l’esperimento

Sensi di pipistrello, è questo l’esperimento che ha avuto un incredibile in Giappone. Ma di cosa parliamo esattamente?

Pipistrelli
Senso da pipistrello negli umani: l’esperimento (Pixabay)

Da sempre l’uomo ha sempre cercato di spingere avanti le proprie capacità, alla ricerca di limiti psicofisici che potessero poi essere superati. In tal senso ogni scoperta tecnica, anatomica e psicologica serve proprio a questo fine. Ad andare sempre più avanti, fino ad arrivare alle più recenti idee e filosofie transumaniste, che vedono nel potenziamento del corpo umano il prossimo inevitabile passo da compiere. E tra scenari apocalittici e persone che sono assolutamente favorevoli a questo nuovo e potenziale tipo di umanità, ecco che il progresso non si ferma un attimo. E in Giappone stanno lavorando proprio su uno dei limiti che caratterizza l’essere umano, cercando di trovare un modo per un potenziale superamento.

LEGGI ANCHE >>> Axa, attacco ransomware gigante dopo il rifiuto di pagare il riscatto

Pipistrello appeso
Pipistrello appeso (Pixabay)

L’esperimento è stato fatto all’università di Okinawa. Qui, riporta PopoularMechanichs, è stato condotto un interessante esperimento con  ben 15 persone. Nello specifico le persone in questione sono state messe in una stanza con delle cuffie. Quindi tramite due tablet e un’elaborazione sonora, potevano spostare e mandare dei segnali acustici dall’altra parte, in un’altra stanza, a loro nascosta.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Clubhouse per Android, parte il conto alla rovescia per il debutto ufficiale

Ed è stato addirittura scoperto che se l’oggetto fosse in movimento, allora l’ascoltatore più preciso era addirittura in grado di capirne la forma. Proprio come fanno i pipistrelli, che utilizzano i segnali acustici e poi il modo in cui rimbalzano per potersi muovere perfettamente nello spazio, non potendo fare affatto affidamento sulla vista. Una sorta di nuovo senso quello che hanno quindi sperimentato coloro che hanno preso parte a questo esperimento. Chissà che non possa andare avanti e portare anche a nuove riflessioni in tal senso, magari spingendo la ricerca dell’università di Okinawa di utilizzare campioni molto più importanti per estrarre anche una teoria e qualcosa di più analitico dall’esperimento in questione sui sensi da pipistrello.