Samsung Galaxy M12 in arrivo, la batteria è enorme

samsung galaxy s30
Lo stop avverrà comunque, ma è previsto per il 2021 (Adobe Stock)

Samsung Galaxy M12 è in arrivo, e la scheda tecnica è parecchio interessante. La batteria in particolare è a dir poco incredibile.

La Samsung è sempre più preferita tra tutti gli acquirenti, che nel tempo stanno scegliendo la casa della Corea del Sud preferendola ad altri marchi. La Samsung è infatti da diverso tempo in cima alle vendite, essendo la preferita e la più importante sul mercato. I rapporti degli ultimi mesi parlano chiaro e tratteggiano una situazione di totale predominio. Sia per quanto concerne il settore degli smartphone che per quanto concerne i tablet, l’azienda è sempre in testa alle vendite. Ecco perché non deve affatto sorprendere il fatto che quando un nuovo smartphone viene annunciato l’attenzione è sempre molto alta e tutti vogliono sapere i dettagli di quello che sta per arrivare sul mercato. In questi giorni si parla del Samsung Galaxy M21, un nuovo smartphone della Corea del Sud in arrivo nei prossimi mesi.

LEGGI ANCHE —> WindTre perde tanti clienti, sono meno di 20 mln: “colpa” di Iliad

Samsung Galaxy M12 in arrivo, la batteria è enorme

I dati e la scheda tecnica non è ancora ufficiale, ma le voci di corridoio sono sempre più forti e condivise. Si parla infatti di uno smartphone che ha un display molto importante, da 6.7 pollici con foro. Si può quindi fare una semplice previsione: Amoled. Il settore fotografico dovrebbe avere ben 4 sensori organizzati in un quadrato. La batteria è forse il suo punto forte. Lo smartphone in questione infatti arriverà sul mercato con una batteria veramente enorme, ovvero ben 7000mAh. Una quantità di energia enorme, che potrebbe dare inizio ad una corsa per ingigantire le batterie degli smartphone di fascia media di Samsung. Non è chiaro quando questo modello arriverà ma, si legge su 91Mobiles, presto dovrebbero esserci degli aggiornamenti nelle prossime settimane.

LEGGI ANCHE —> Samsung, processori Exynos venduti a Xiaomi e Oppo: la strategia