Reti più veloci, i dati di Fastweb, WindTre, Vodafone e TIM nel 2020

Reti più veloci, ecco i dati di Fastweb, WindTre, Vodafone e TIM nel 2020 forniti dal Barometro nPerf

reti più veloci
Reti più veloci, la classifica del 2020 (Adobe Stock)

Siete curiosi di sapere quali sono state le reti più veloci nel 2020? Oggi 22 gennaio 2021 il Barometro nPerf ha fornito i dati relativi alla connessione fissa in Italia, con una classifica che tiene conto di alcuni dati registrati nel corso degli ultimi 12 mesi. Le performances dei vari provider sono diverse, e uno ha spiccato su tutti gli altri.

Per ottenere tutte le statistiche necessarie a stilare la classifica completa, nPerf ha studiato gli speedtest effettuati tramite la propria piattaforma e ha segnato sia i numeri in download che in upload, con le varie latenze. Per il secondo anno consecutivo, al primo posto c’è Fastweb. 32,5 Mb/s in upload, secondo solo a WindTre con 80,6 Mb/s in download. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bitcoin troppo costosi: il mining consuma il doppio di tutta la Grecia

Reti più veloci, i dati completi di nPerf

fastweb 5g
Reti più veloci, al primo posto Fastweb (AdobeStock)

Tramite il proprio barometro, nPerf ha potuto stilare una classifica delle reti più veloci per ciò che riguarda la connessione fissa. Come già detto, al primo posto per quanto riguarda l’upload c’è Fastweb, mentre WindTre ha saputo fornire la migliore connessione per ciò che riguarda l’upload. Tenendo conto della sola categoria Fibra FTTH, è sempre Fastweb ad ottenere il primato, seguito da TIM e da WindTre, con Vodafone fanalino di coda. Qui la prima classificata ha tenuto la media di 149 Mb/s con 20 ms di latenza, con TIM che ha ottenuto il picco di 317 Mb/s.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Galaxy Note 20 FE sarà l’ultimo canto del cigno della gamma Note?

Per ottenere il punteggio finale, nPerf ha studiato la velocità media in download, in upload e la latenza. I cosiddetti nPoints prendono in considerazione i 2/3 in download più 1/ di upload e latenza. Dal 1 gennaio al 31 dicembre 2020, sono stati registrati ben 2,4 milioni di test, quantificati in poco meno di 2 milioni di speedtest.