Truffa SPID sul Portale dell’Automobilista: occhio al sito fake

Spunta una nuova truffa online legata allo SPID. Un sito fake del Portale dell’Automobilista può portare a gravi conseguenze

truffa spid
Truffa SPID su un Portale dell’Automobilista fake (Screenshot)

Continuano ad essere individuate in rete truffe di ogni tipo, legate principalmente a siti fake e tentativi di phishing. L’azienda di cybersicurezza italiana D3Lab è solita segnalarne di nuove ormai quotidianamente, e a questa se n’è aggiunta da poco un’altra. Riguarda nello specifico un finto Portale dell’Automobilista e lo SPID.

I cybercriminali hanno studiato nel dettaglio il tutto. Si tratta infatti di un sito alternativo che è praticamente identico all’originale Portale dell’Automobilista, ma in realtà cliccando sulle varie sezioni news non succede nulla. Solo una sezione è attiva e permette di svolgere apparentemente la sua funzione: quella del login. Va da sé che la truffa avviene proprio qui: l’utente ignaro si collega e inserisce i propri dati per accedere, tra i quali è necessario anche lo SPID.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> iPhone 12 Mini è un flop: Apple cambia strategia

Truffa SPID, come riconoscere il finto Portale dell’Automobilista

Top 10 antivirus
Bisogna stare attenti ed evitare il sito fake (Adobe)

Bisogna stare molto attenti, in quanto il Portale dell’Automobilista fake – segnalato dall’azienda di cybersicurezza italiana D3Lab – rischia di rubare alcuni dati personali, tra cui anche lo SPID. Ma come riconoscerlo? La home page è praticamente identica, con tutte le sezioni presenti e persino il footer in fondo. Cliccando però su un’altra sezione o link presenti, non succede nulla. Questo è il principale campanello d’allarme che ci fa capire che si tratta di un fake. Come già detto, l’unica sezione perfettamente funzionante è quella relativa al login, dalla quale i cybercriminali rubano account e SPID.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Bitcoin troppo costosi: il mining consuma il doppio di tutta la Grecia

Il vero Portale dell’Automobilista, invece, permette di svolgere una serie di funzioni utili e messe a disposizione direttamente dal Ministero dei Trasporti. Con più di 7 milioni di utenti iscritti, dà la possibilità di interrogare i database per togliersi qualsiasi dubbio.