Redmi K40 Gaming Edition stuzzica i videogiocatori con specifiche e prezzi super

Redmi K40 Gaming Edition è il primo smartphone per videogiocatori creato dalla società di proprietà di Xiaomi. Un prodotto interessantissimo per via di specifiche tecniche competitive, ma a sorprendere è però un prezzo a dir poco aggressivo.

Redmi K40 Gaming Edition
Redmi rende economici gli smartphone da gaming (Screenshot YouTube)

Redmi rilancia le proprie ambizioni nell’affollato segmento mobile, ufficializzando uno smartphone da gaming molto interessante sotto molteplici punti di vista. La controllata di Xiaomi sta dunque dimostrando concretamente di voler far sul serio e la nuova proposta – in questa prima fase appannaggio del solo mercato cinese – è destinata a lanciare il guanto di sfida alla serie Rog Phone della rivale ASUS.

La prima incursione di Redmi nel particolare segmento dei dispositivi da gioco si traduce in una versione dell’apprezzato Redmi K40, opportunamente rivisitato tanto sotto l’aspetto estetico, quanto in quello commerciale. L’appellativo “Gaming Edition” conferma senza troppi indugi la vocazione di uno smartphone che strizza l’occhio ai videogiocatori, grazie anche a specifiche hardware da primo della classe e all’immancabile prezzo competitivo che da sempre ha contraddistinto il brand cinese.

Il nuovo smartphone Android ha un aspetto marcatamente aggressivo, con texture sul posteriore che richiamano effetti metallici. Spiccano soprattutto i trigger fisici posizionati sul dorsale del dispositivo, fattore quest’ultimo che permetterà di impugnar meglio il terminale durante le sezioni da gaming, simulando una vera e propria console portatile.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> WhatsApp, arrivano conferme sulla migrazione delle chat da iPhone ad Android

Un concentrato di potenza e listini da urlo

Redmi K40 Gaming Edition smartphone da gaming economico
Redmi K40 Gaming Edition sfoggia due speaker JBL (Screenshot)

Sotto il “cofano” non sembrano esserci troppi compromessi, né tantomeno sbavature di sorta. Redmi K40 Gaming Edition è infatti animato dal processore Dimensity 1200 di MediaTek, chipset costruito con un processo produttivo a 6 nanometri capace di non far rimpiangere troppo il blasonato Snapdragon 888 di Qualcomm. Come da tradizione in questi casi, il SoC è opportunamente abbinato ad un ingente quantitativo di memoria RAM (fino a 12GB nella versione più rifinita, mentre quella base parte dai più contenuti 6GB) e, soprattutto, da un sistema di raffreddamento realizzato mediante una combinazione di grafene, grafite e una camera di vapore; sebbene non ci siano ventole integrate, la soluzione apportata da Redmi dovrebbe garantire – quantomeno sotto l’aspetto teorico – una dispersione del calore efficace, prolungando l’autonomia e migliorando le prestazioni nelle app di giochi più impegnative.

Il pezzo forte dello smartphone da gaming di Redmi è ovviamente il comparto multimediale, stante la cura certosina dedicata al display e all’audio. Con riguardo al primo fronte, spicca l’implementazione di un pannello AMOLED da 6,67 pollici di alta qualità, come confermato dalle molteplici tecnologie incorporate: la risoluzione in QHD+ si mescola infatti ad una calibrazione a dir poco efficace e il supporto ai colori a 10bit, HDR10+ e copertura DCI-P3 rappresentano un emblematico biglietto da visita destinato ad ingolosire i gamers più incalliti; chiudono il cerchio l’immancabile frequenza di aggiornamento a 120Hz e, soprattutto, una frequenza di campionamento del tocco pari a 480Hz.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Demenza senile e sonno, ecco quanto dormire per ridurre i rischi

Per ciò che concerne il reparto audio, valga soltanto il richiamo di JBL, casa produttrice che ha per inciso confezionato i due speaker montati nella parte superiore e inferiore; non manca ovviamente il supporto per Hi-Res Audio e il Dolby Atmos.

Chiude il cerchio una batteria da 5.000mAh con tecnologia di ricarica rapida a 67W e una tripla fotocamera posteriore con sensore standard da 64 megapixel, probabilmente l’aspetto meno appariscente di un dispositivo senz’altro interessante nella sua scheda tecnica globale. Il prezzo di listino è invece una gioia per gli utenti videogiocatori: si parte da un equivalente di appena 340 dollari per la versione con a bordo 6 gigabyte di memoria RAM e 128 GB di storage, sino a toccare la risibile cifra di 420 dollari per quella più completa (ossia 12GB RAM e 256GB di archiviazione). Peccato soltanto non vederlo in Italia, ma chissà che nelle prossime settimane non possano esserci gradite sorprese. Magari sotto altra veste, sulla falsariga di quel Poco F3 creato ad immagine e somiglianza di Redmi K40 Pro Plus.