Realme Narzo 30 Pro anticipato dalla TENAA: prime informazioni

Realme Narzo 30 Pro sarà il nuovo smartphone Android di fascia media dell’azienda cinese. La certificazione TENAA acquisita in queste ore conferma la presenza del supporto alle reti veloci 5G e di un display da 6,5 pollici. Attesa per il lancio ufficiale, forse programmato già a febbraio.

Realme Narzo 30 Pro novità
Il logo Realme (Fonte: Realme Facebook)

Realme è pronta ad ufficializzare l’arrivo di una serie di nuovi smartphone Android di fascia media, nel tentativo evidentissimo di duellare ad armi pari contro la più blasonata Xiaomi. Tra i dispositivi più attesi spicca senza dubbio il già chiacchierato Realme V15, al quale dovrebbero altresì aggiungersi almeno un paio di terminali appartenenti all’interno della gamma Realme Narzo.

Emblematica, in questo senso, la certificazione ricevuta in queste ore da uno smartphone contrassegnato dal numero di modello RMX3161 e conosciuto sotto l’appellativo commerciale di Realme Narzo 30 Pro. Si tratta di un dispositivo con funzionalità dual SIM impreziosito dal supporto alle reti veloci 5G, il cui approdo ufficiale sul mercato dovrebbe inverarsi prima della fine di questo trimestre.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Samsung Galaxy S21, numeri da record: già superati i predecessori

Il display sarà di tipo LCD

Realme Narzo 30 Pro
L’aspetto estetico di Realme Narzo 30 Pro (Fonte: TENAA)

A dar contezza di alcune sommarie caratteristiche tecniche è la TENAA (l’ente di certificazione cinese), peraltro suggellate da alcune immagini visualizzabili in alto. Lo smartphone misura 162,5 x 74,8 x 8,8 mm e ha un display da 6,5 pollici verosimilmente a risoluzione Full HD+; la parte frontale è contornata dall’ormai immancabile foro allineato in alto a sinistra dedicato alla fotocamera frontale, mentre sotto il “cofano” troverà posto una batteria da 4.880mAh con tecnologia di ricarica rapida da 65W di Realme.

Realme Narzo 30 Pro è dotato di una tripla fotocamera posteriore sul retro e in tal senso appare lecito attendersi l’implementazione di un sensore da 64 megapixel, sulla falsariga delle precedenti strategie adottate dall’azienda. Lo smartphone vanta altresì un lettore di impronte digitali incastonato sulla parte laterale e questo conferma in modo inequivocabile la presenza della tecnologia LCD relativa al display; il suffisso “Pro” dovrebbe comunque garantire l’implementazione di una frequenza di aggiornamento, almeno da 90Hz.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Amazon Prime Student disponibile a metà prezzo: come iscriversi subito

Ad ogni modo, le settimane a seguire saranno indubbiamente decisive per comprendere le rinnovate strategie di Realme, intenzionata a far la voce grossa nel sempre più ambito – ma anche redditizio – segmento degli smartphone Android di fascia media.