Play Store, un bug aumenta di netto il consumo della batteria

Diversi utenti stanno segnalando un noioso bug legato al Play Store, la piattaforma di distribuzione delle app di Google. A lamentare il problema gli utenti con dispositivi di diversi marchi, da Oppo a OnePlus, da Huawei ad Asus.

Come segnalato da TuttoAndroid, sono parecchi gli utenti che nelle scorse ore hanno segnalato un utilizzo anomalo della CPU, ben sopra i valori normali, quando alle prese con il Play Store di Google. Il problema con ogni probabilità potrebbe riguardare anche smartphone di altri produttori oltre a quelli già elencati in precedenza.


Come segnalato da questo utente Twitter, che ha analizzato il problema nel dettaglio, il responsabile del malfunzionamento sarebbe il servizio che gestisce i download in background sul Play Store. Il risultato è un utilizzo smodato della CPU che inevitabilmente si tramuta in un battery drain di notevoli proporzioni, arrivando a consumare in breve tempo anche il 70% di carica residua.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Rog Phone 3, Asus punta al 5G per il mobile gaming del futuro

Play Store, un bug manda alle stelle l’uso della CPU: a farne le spese è la batteria

google play store
(AdobeStock)

Come dicevamo in apertura le segnalazioni riguardano principalmente gli smartphone dei seguenti marchi: Asus, Huawei, Oppo e OnePlus. Non è tuttavia da escludere che ad essere coinvolti possano anche altri dispositivi. Il problema riguarderebbe nello specifico la versione 22.0.18 del Play Store e al momento non ci sono comunicazioni a riguardo da parte di Google.

Con ogni probabilità, data la portata del bug e il crescente numero di segnalazioni, Google sarà chiamata a rilasciare un aggiornamento ad hoc in tempi relativamente brevi. Oltre al consumo energetico infatti, un utilizzo troppo spinto della CPU può portare a numerosi rallentamenti del sistema operativo, fino a rischiare di avere un dispositivo di fatto inutilizzabile.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Dalla Cina uno smartphone Dual Sim a meno di 20 euro – VIDEO