Paolo Bonolis e la triste opinione sugli smartphone: per questo non li uso

Paolo Bonolis ha lasciato tutti senza parole, nessuno si sarebbe mai immaginato che un personaggio del suo livello non utilizzasse uno smartphone: ecco i motivi della sua scelta 

Paolo Bonolis (Instgram)

Siamo nel 2021 e ormai ognuno di noi possiede uno smartphone, la nostra vita è contenuta interamente lì dentro, ma ancora c’è qualcuno che riesce a vivere senza di essi. Tendenzialmente si potrebbe andare a pensare che tali persone siano anziani ancora attaccati alla loro vita passata, per troppo tempo vissuta senza tali dispositivi, ma invece quello che ci fa rimanere senza parole è che a volte c’è la pecora fuori dal gregge e questa si chiama Paolo Bonolis.

Quello che lascia di stucco è il fatto che si sta parlando di uno dei più grandi conduttori televisivi degli ultimi 30/40 anni e come possiamo immaginare, si tratta di una persona piena di impegni e collegata a filo conduttore con l’evoluzione che ha subito la tv negli ultimi anni.

Ma a quanto pare Paolo è rimasto legato alle sue “sane” abitudini e ha deciso di non dare troppo spazio nella sua vita all’evoluzione digitale che sta accadendo. Di questo ne parla apertamente al Corriere della Sera in una intervista.

Le parole di Paolo Bonolis

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Paolo Bonolis (@sonopaolobonolis)

Questa le parole, del presentatore, che hanno suscitato grande stupore: “Sono un animale analogico in un mondo digitale. Io sono cresciuto in un’epoca che si avvitava sull’ideologia, questa è un epoca che si avvita sulla tecnologia: non c’è niente di male, a meno che la tecnologia non diventi ideologia, che è quello che sta succedendo”.

In un secondo momento ha anche rivelato di non essere proprio in possesso di uno smartphone, poiché preferisce utilizzare un “modello classico” di cellulare: “Un cellulare serve per telefonare e mandare sms. A che altro serve?”.

POTREBBE INTERESSARTI >>>  Google Pixel 6 PRO, rendering finiscono online – VIDEO

POTREBBE INTERESSARTI >>>  5G, il problema intercettazioni rimane. “Più sensibilità”

Anche sull’utilizzo dei social dice la sua, dimostrando di avere unìapproccio completamente diverso da quello che ha la moglie Sonia Bruganelli, che è spesso sotto le luci dei riflettori per delle dinamiche che creano non poche polemiche: “In passato le ho detto di lasciare stare, ora non lo faccio più, al limite le dico di non postare cose che riguardano me”