Panasonic crea aspiratore per recuperare AirPods di Apple tra i binari

Panasonic aspiratore AirPods (screenshot)

Panasonic ha creato uno speciale aspiratore per recuperare gli AirPods che cadono tra i binari dei treni. Ecco come funziona.

Gli AirPods sono tra le cuffiette più amate e diffuse in tutto il mondo. Parliamo infatti di un tipo di tecnologia parecchio apprezzato, che ha avuto un successo planetario ed è entrato a pieno diritto nell’ecosistema di Apple. Con le loro funzioni smart, la loro ricarica veloce e soprattutto la loro qualità audio anche senza la necessità dei cavi ha reso gli AirPods la migliore scelta per chi vuole delle cuffiette wireless. Purtroppo, però, hanno anche i difetti delle cuffiette wireless, che possono facilmente essere individuati anche nella loro peculiarità più importante: wireless. Il fatto che non abbiano dei fili ad unirli al cellulare rende questo tipo di auricolari anche pericolosamente facili da perdere se siamo in un luogo pubblico, magari camminando o muovendoci in massa con gli altri, come succede ad esempio nei treni affollati del Giappone.

LEGGI ANCHE –> Apple, arriva iOS 14.2: nuovi comandi e modifiche alla ricarica per AirPods

Panasonic crea aspiratore per recuperare AirPods di Apple tra i binari

Ogni giorno milioni di persone in Giappone utilizzano i mezzi pubblici, in particolare i terreni, per viaggiare e spostarsi. Ora che la presa del Covid-19 nel Paese nipponico è meno stringente, infatti, si sta piano piano riprendendo la vita di tutti i giorni. E moltissimi di questi passeggeri, come succede ovunque, indossano delle cuffiette per rendere meno noioso il viaggio, ascoltando un po’ di musica. Spesso però, nel parapiglia della fermata, alcuni perdono gli AirPods, che finiscono tra i binari e la banchina. Panasonic ha quindi inventato un macchinario, che sta venendo adottato da tutte le stazioni, per aspirare gli AirPods dai binari senza costringere nessuno a scendere, mettendo in pericolo delle persone.

LEGGI ANCHE —>  iPhone 12, come trasferire i vostri dati sul nuovo dispositivo Apple: la guida