OnePlus Watch, possibile il rinvio a tempo indefinito: le ultime voci

oneplus watch
OnePlus Watch, probabile il rinvio a tempo indefinito (YouTube)

OnePlus Watch potrebbe non vedere la luce quest’anno. Secondo alcune indiscrezioni, l’azienda di Pete Lau ne avrebbe rimandato il lancio

Continua a crescere il mercato degli orologi smart. Il più conosciuto ed ormai sdoganato è sicuramente l’Apple Watch, ma ormai tantissime aziende hanno lanciato (o stanno per lanciare) il proprio gioiellino di hi tech. Tra queste, anche OnePlus sembrava finalmente pronta a lanciare il suo primo smartwatch ma, a quanto pare, ci sarebbero state alcune complicazioni.

Nello specifico, fino qualche giorno fa si pensava ad una presentazione imminente (soprattutto dopo il teaser lanciato da OnePlus India). Le ultime indiscrezioni, però, parlano di un rinvio quasi certo e a tempo indefinito, per alcuni problemi con lo sviluppo del software. Se sembrava ormai certo il lancio per l’ultima settimana di ottobre, ora OnePlus Watch e tutti i più curiosi dovranno aspettare ancora.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Samsung, niente cuffie e caricatore per il Galaxy S21

OnePlus Watch, presentazione rinviata? L’indiscrezione

oneplus watch
Potrebbe arrivare entro la fine del 2020 o nel 2021 (YouTube)

Secondo quanto riferito dal noto tipster Max J. su Twitter, OnePlus avrebbe rinviato ufficialmente la presentazione del nuovo OnePlus Watch, primo smartwatch dell’azienda cinese. La notizia non ha ancora avuto conferme ufficiali, ma pare che le indiscrezioni siano state già accertate da diversi esperti. Il problema principale sarebbe legato ad alcune complicazioni con la produzione del dispositivo o con lo sviluppo del software.

Sembrava ormai certo il lancio per questo fine ottobre, ma invece bisognerà aspettare ancora. Difficile capire se il nuovo prodotto uscirà negli ultimi due mesi del 2020 o addirittura nel 2021, in quanto il rinvio è a tempo indefinito. Fino a settembre, si parlava di una variante di OxygenOS basata su WearOS come sistema operativo, ma ora bisognerà capire se le strategia adottate dall’azienda di Pete Lau cambieranno.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Android, le 3 app da disinstallare per la salute dei bambini