OnePlus 6 e 6T vanno in pensione: è arrivato l’annuncio ufficiale dell’azienda

Una brutta notizia per tutti i possessori di OnePlus 6 e 6T. L’azienda ha deciso di mandare i due ex top di gamma “in pensione”

Il mondo degli smartphone è in continua evoluzione. Un top di gamma uscito di recente potrebbe già finire in disuso tra un paio d’anni. È la “legge del mercato”, che spinge tanto i produttori quanto i consumatori ad andare avanti e a puntare su modelli sempre più avanzati a livello di design e specifiche tecniche.

oneplus 6 6t 20220116 cellulari.it
I OnePlus 6 e 6T non riceveranno più gli aggiornamenti di sistema (Screenshot)

È anche il caso di OnePlus che, tramite un post ufficiale, ha appena annunciato che i suoi modelli 6 e 6T non riceveranno più alcun aggiornamento. Stiamo parlando dei suoi due top di gamma lanciati nel 2018, che per anni hanno potuto godere del supporto costante tra major update, build Closed e Open Beta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Conviene veramente avere uno smartwatch? L’opinione degli esperti

OnePlus 6 e 6T non riceveranno più gli aggiornamenti

oneplus 6 6t 20220116 cellulari.it (1)
È arrivato l’annuncio ufficiale da parte dell’azienda (screenshot)

Se siete possessori di OnePlus 6 o 6T, c’è una brutta notizia per voi: l’azienda non rilascerà più aggiornamenti per i due dispositivi in questione. Lanciati nel 2018, i due top di gamma si fermano dunque ad Android 11. Proprio di recente c’è stato il rilascio della versione stabile di OxygenOS 11, ultimo maxi update dedicato ai modelli in questione. OnePlus si è comunque concentrata parecchio negli anni precedenti e ha fatto il possibile per rendere il software di sistema il più completo possibile.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> VeryMobile punta a nuovi clienti con un’offerta pazza: Giga, minuti ed SMS a 5,99 euro

Basti pensare ai 3 major update rilasciati e alle trenta build Closed e Open Beta. Stiamo parlando di tre anni di aggiornamenti costanti, ormai più che sufficienti considerando il ciclo di vita degli smartphone. Ora la palla passa in mano a coloro che posseggono uno dei due device in questione. Potete accontentarvi dell’ultima versione rilasciata – anche a livello di sicurezza – o passare ad un modello uscito di recente.