L’ultima novità di Alexa è inquietante: riprodurrà la voce dei vostri cari (anche defunti)

Secondo quanto spiegato nel corso del Re: Mars 2022 di Las Vegas, tra le novità di Alexa ci sarà anche la possibilità di riprodurre la voce dei vostri defunti. Ecco come funzionerà il tutto

Tra i prodotti di punta di Amazon, non si può non menzionare Alexa. L’assistente vocale di Amazon ha saputo nel corso degli anni arricchirsi a suon di novità super interessanti e funzionali alle richieste dell’utenza. E ce ne sono tante altre che arriveranno nel corso dei prossimi mesi, come annunciato dal colosso dell’e-commerce stesso.

alexa voce defunti 20220624 cellulari.it
Una nuova feature di Alexa permetterà di riprodurre la voce dei propri defunti (Screenshot amazon.it)

Nei giorni scorsi si è tenuta la classica conferenza annuale Re:Mars 2022 di Las Vegas. Per l’occasione, il vice presidente senior della divisione Amazon Rohit Prasad ha elencato alcune delle nuove feature che presto saranno utilizzabile tramite dispositivi Echo (e non solo). Tra queste, ce n’è una che sta facendo parecchio discutere: la possibilità di riprodurre la voce dei propri defunti.

Ecco come Amazon riprodurrà la voce dei vostri defunti

alexa voce defunti 20220624 cellulari.it
Ecco tutto quello che c’è da sapere a riguardo (Screenshot amazon.it)

Da quando Rohit Prasad ha presentato la feature nel corso della Re:Mars 2022, su Twitter e Reddit gli utenti si sono scatenati. Con Alexa di Amazon sarà possibile riprodurre la voce dei propri cari, anche se defunti. Nello specifico, all’assistente vocale basterà una sola clip audio di un minuto per ottenere output audio completi della persona. Il tutto grazie ad algoritmi studiati nei dettagli e che si appoggiano sull’intelligenza artificiale di ultima generazione.

Dovevamo imparare a produrre una voce di alta qualità con meno di un minuto di registrazione rispetto alle ore di registrazione in studio. Il modo in cui abbiamo raggiunto l’obiettivo è inquadrare il problema come un’attività di conversione vocale e non come un percorso di generazione del parlato. Viviamo senza dubbio nell’era d’oro dell’IA, dove i nostri sogni e la fantascienza stanno diventando realtà” le parole di Prasad.

Per spiegare meglio le potenzialità di questo strumento, un bambino ha chiesto all’assistente vocale di far leggere il Mago di Oz dalla nonna. E così è stato, con la favola narrata dalla voce della parente scomparsa.