iPadOS 15, le sei novità che ci aspettiamo tra sogno e realtà

A pochi giorni dalla presentazione ufficiale di iPadOS 15, riportiamo una lista delle sei funzionalità che ci piacerebbe poter utilizzare giornalmente sui nostri tablet di Apple, migliorando così l’esperienza utente e avvicinandola – con le dovute cautele e contromisure – a quella di un piccolo computer. 

iPadOS 15 la lista dei desideri
Le sei novità che potrebbero rivoluzionare iPadOS 15 (AdobeStock)

Dopo aver rinnovato la line-up degli iPad di fascia alta, Apple si appresta adesso a svelare le caratteristiche distintive del nuovo iPadOS 15, rinnovata versione del sistema operativo installato su tutti i tablet della “mela”. Una sorta di chiusura del cerchio, che se da un lato porterà senz’altro alcuni fisiologici ed intrinseci miglioramenti – in special modo sotto il fronte dell’ottimizzazione, da sempre il nocciolo duro dei progetti di Cupertino – dall’altro lato potrebbe rappresentare un’occasione ghiottissima per far fare agli iPad quell’auspicato salto di qualità su cui si discute da ormai diversi anni. Perché se è vero che iPadOS 13 – presentato alla fine del 2019 – ha avuto il pregio di introdurre alcune funzioni a dir poco centrali (si pensi, su tutti, all’app File e alla navigazione web in formato desktop), è altrettanto indubbio che ancora ad oggi esistono delle storture e limitazioni che l’attuale iPadOS 14 non è riuscito a colmare.

In attesa quindi di scoprire cosa avrà in serbo Apple per la sua gamma iPad – il nuovo sistema operativo sarà svelato il 7 giugno prossimo in occasione dell’importante manifestazione del WWDC 2021 – vi presentiamo la nostra lista di funzionalità che auspichiamo possano essere implementate da qui a breve. E chissà che qualcuna di queste non possa trovare effettivamente risvolti pratici.

POTREBBE INTERESSARTI>>> iPhone 14, un brevetto suggerisce importanti modifiche al display

Nuovo multitasking

Gli iPad offrono ad oggi una qualche possibilità di esecuzione contemporanea di due applicazioni, grazie alle funzioni “Split View” e “Slide Over” presenti da ormai qualche anno. Si tratta di un meccanismo effettivamente utile, sebbene perfettibile e con ampi margini di miglioramento: il rimando va, ad esempio, all’apertura di più app a finestra variabile, sulla scorta di macOS e dei sistemi desktop in generale, ma anche alla personalizzazione OneUI dei tablet Samsung animati da Android. La possibilità di eseguire più applicazioniridimensionando le finestre di ciascun programma, anziché invece affiancare soltanto due app, come accade ad oggi con iPadOS 14 – contribuirebbe senz’altro a migliorare l’esperienza multitasking, avvicinando i tablet di Apple a dei veri e propri computer portatili.

App File migliorata

L’app File è certamente una delle funzioni più utilizzate sugli iPad, ma anche in questo caso non mancano spunti migliorativi. Tra i difetti principali segnaliamo, ad esempio, l’impossibilità di visualizzare dettagli aggiuntivi nell’anteprima di alcune file, come la lunghezza di una determinata traccia musicale. Vorremmo immaginare il nuovo File come il Finder presente sui Mac, e dunque con una efficacia ancor più dirompente: pensiamo quindi all’accesso alle aree protette del File System di iPadOS, ma soprattutto alla possibilità per le app di aprire e utilizzare file su dischi esterni o dal cloud, anziché doverli prima copiare in locale dentro all’iPad.

Gestione dell’audio

Un’altra caratteristica da introdurre su iPadOS 15 potrebbe essere legata ai preset audio, offrendo dunque l’opportunità di modificare in modo fine le impostazioni dedicate alle periferiche audio, sulla scorta dell’app Configurazione MIDI di macOS.

La calcolatrice

E’ vero, esistono diverse app sullo store di Apple che permettono di scaricare la calcolatrice sull’iPad, tuttavia, appare abbastanza inusuale non poter disporre nativamente di un programma presente invece su tutti gli smartphone, tablet e computer. Potremmo interrogarci sull’opportunità di avere una calcolatrice a tutto schermo, e proprio in quest’ottica il discorso va ad essere incanalato con il multitasking: l’introduzione delle app in finestra – potendo perciò ridimensionarle a piacimento – darebbe certamente senso alla presenza della calcolatrice su iPad.

Widget interattivi

Questa potrebbe essere una delle novità effettivamente in serbo da Apple per il suo iPadOS 15, giacché inaugurata lo scorso anno sulla controparte iOS. Allo stato attuale, infatti, i widget possono essere posizionati su iPad soltanto sulla porzione sinistra della schermata principale. Ne consegue, pertanto, l’impossibilità di spostare i widget a proprio piacimento, magari intervallandoli tra le icone delle applicazioni installate. Ci aspettiamo inoltre una maggiore interazione degli stessi widget, conditi per l’occasione da pulsanti e cursori.

POTREBBE INTERESSARTI>>> iPhone 13, notizie incoraggianti in vista della data di uscita

Multiutente

Si tratta di una delle limitazioni più importanti ad oggi presenti su iPad, specie se volgiamo lo sguardo ai tablet Android. Eppure, i risvolti pratici del multiutente non dovrebbero essere sottovalutati: pensiamo, ad esempio, all’interscambio del tablet tra genitori e figli, dove appare necessario garantire che certe applicazioni importanti – magari perché utilizzate per ragioni di lavoro – non finiscano tra le mani dei consumatori inesperti. Ecco, la creazione del multiutente – e in particolar modo di account bambini – supererebbe in scioltezza le difficoltà pratiche: a ciascun utente sarebbe assegnata una schermata principale differente, con la visualizzazione di app diverse. Un modo in più per esaltare al tempo stesso il concetto privacy, da sempre a cuore per Apple.