India contro le scelte di Whatsapp, chiesto il ritiro della nuova policy

L’India è contro le scelte di Whatsapp che ha deciso di privare gli utenti del paese della scelta di accettare o rifiutare i nuovi termini di servizio dell’app di messaggistica

Whatsapp

L’India è tra le nazioni con il bacino più ampio di utenza attiva su Whatsapp. Molte delle novità, addirittura, vengono rilasciate prima nel paese asiatico e solo successivamente in Europa. Il ministro della Tecnologia però ha inviato una lettera al top executive di Whatsapp, Will Catchcart, mostrandosi in disaccordo con la nuova policy di condivisione dei dati con Facebook. “Comporta gravi preoccupazioni per le implicazioni, per la scelta e l’autonomia dei cittadini indiani. Pertanto, siete chiamati a ritirare le modifiche proposte”. L’ultimatum è frutto della mancata possibilità da parte degli utenti indiani di decidere se accettare o meno i nuovi termini, così come accaduto in Europa. L’azienda di Menlo Park, sollecitata da una nazione così influente per le sorti dell’app, potrebbe decidere di cambiare le proprie intenzioni iniziali.

LEGGI ANCHE—> X60 Pro+ sarà ancora più potente: sale il numero di preorder

Whatsapp, chiarimenti sui cambiamenti della policy

Whatsapp

“Un trattamento così differenziato – spiega il ministro – è pregiudizievole per gli interessi degli utenti indiani ed è visto con seria preoccupazione dal governo indiano che è responsabile nei confronti dei suoi cittadini di garantire che i loro interessi non vengano compromessi. Pertanto invita WhatsApp a rispondere alle preoccupazioni sollevate in questa lettera”. Il governo chiede anche chiarimenti sulle informazioni che Whatsapp intende raccogliere e condividere con Facebook, poiché potrebbero aprire problemi in merito alla tutela e la sicurezza della privacy degli utenti.

LEGGI ANCHE—> Zona rossa, arancio o gialla? Ecco il sito che ne sa di più: Covidzone.info

Da più parti è stato già chiarito che i cambiamenti riguardano sostanzialmente le chat con gli account business. Le aziende avranno la facoltà di scegliere i servizi proposti da Facebook per conservare le chat e potranno comparire sullo stesso social delle pubblicità in linea con gli argomenti trattati dall’utente.