Il Play Store strizza l’occhio ad Apple e introduce una importante novità per la privacy

Google annuncia una nuova sezione sul Play Store che renderà più trasparente il negozio ufficiale dove scaricare app Android

Nei giorni scorsi abbiamo parlato di come diverse applicazioni abbiano aggirato la funzione App Tracking Transparency di Apple, ma ciò comunque non toglie l’efficacia e l’importanza di un’opzione fortemente voluta dall’azienda americana per innalzare la privacy dei suoi utenti. L’importanza di questo tema viene implicitamente confermata da una novità del Play Store annunciata da Google in queste ore, che in modo non dissimile alle etichette della controparte App Store di iOS si aggiornerà gradatamente per far spazio a una sezione dedicata appunto alla trasparenza.

Sicurezza Dati Play Store privacy
Google ufficializza importanti novità per il Play Store (AdobeStock)

Come ufficializzato da Google, il Play Store sarà arricchito da una sezione intitolata “Sicurezza dati” per ciascuna app Android. Questo spazio permetterà ai possessori di uno smartphone o tablet animato dal “robottino verde” di visualizzare tutto ciò che concerne la condivisione e la raccolta dei dati delle applicazioni, rimettendo quindi queste informazioni nella disponibilità degli utenti e rendendo il tutto decisamente più trasparente.

Il Play Store si aggiorna con la nuova sezione “Sicurezza dati”

Sicurezza Dati Play Store privacy
La nuova sezione del Play Store annunciata da Google (Immagine by Google)

Appare evidente che la novità del Play Store dovrà andare di pari passo con un lavoro di trasparenza degli sviluppatori delle app Android, i quali saranno chiamati appunto a condividere queste importanti informazioni all’interno del negozio ufficiale dove scaricare le app per smartphone e tablet Android. Di conseguenza, ciascun sviluppatore dovrà “riempire” la nuova sezione “Sicurezza dati” entro il prossimo 20 luglio. Ecco perché, nonostante la immediata validità della modifica, potrebbe anche darsi che una certa applicazione non condivida tutte le informazioni relative alla condivisione e alla raccolta dei darti. Questo adeguamento si completerà entro il 20 luglio, termine massimo imposto da Google.

Passiamo adesso ad un piccolo affondo su ciò che, nel concreto, caratterizzerà la nuova sezione. In particolare, gli sviluppatori dovranno indicare tutta una serie di informazioni all’insegna della trasparenza, e nello specifico la raccolta (con annessa specificazione del motivo) dei dati, la condivisione dei dati con terze parti, la conformità dell’app alle norme sulle famiglie del Play Store per la tutela dei bambini, la convalida delle pratiche di sicurezza adottate dagli sviluppatori rispetto agli standard di sicurezza globale. Infine, ci sarà anche una informazione sulle modalità con cui tali dati saranno protetti (crittografia, possibilità di richiederne l’eliminazione, conformità con la MASVS).

La nuova sezione “Sicurezza dati” del Play Store vuole quindi offrire una maggiore trasparenza verso gli utenti Android, così da permettere a quest’ultimi su come le app raccolgono, proteggono e condividono i propri dati.