Huawei, ufficiale la cessione di Honor: “Sviluppo prodotti continuerà”

honor huawei
Presenti tanti device sia Huawei che Honor (screenshot)

È arrivata anche l’ufficialità da parte di Huawei: Honor è stata venduta a Shenzen Zhixin New Information Technology

Huawei è tra le società più attive degli ultimi giorni. Dopo aver ottenuto il via libera alla commercializzazione con Qualcomm dal governo Usa, nella giornata di ieri il vicepresidente Zhang ha chiesto anche al Regno Unito di rimuovere il ban per lo sviluppo di infrastrutture 5G. Intanto, però, è arrivata anche la conferma di una voce che è girata parecchio nelle ultime settimane.

Huawei ha annunciato ufficialmente di aver venduto Honor a Shenzen Zhixin New Information Technology, che ha siglato un accordo con Huawei Investment Holdings. All’interno della nota ufficiale da parte del colosso di Shenzen, si possono leggere anche i termini dell’accordo. I nuovi proprietari sono chiamati a proteggere gli interessi di consumatori, distributori, fornitori, partner commerciali e dipendenti. Anche per lo sviluppo dei nuovi prodotti, non dovrebbero esserci cambiamenti a livello dirigenziale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Samsung, possibile addio ai Galaxy Note già dal 2021: i dettagli

Huawei, venduta ufficialmente Honor: “È un momento difficile”

Huawei regno unito
L’annuncio ufficiale da parte del colosso di Shenzen (Adobe Stock)

Dopo i vari rumors e le indiscrezioni dei giorni scorsi, è arrivata l’ufficialità: Huawei ha venduto le quote di Honor a Shenzhen Zhixin New Information Technology. La società ha pubblicato una nota sul proprio sito web, spiegando i motivi della scelta. “Si tratta di un momento molto difficile, nel quale gli elementi della tecnologia industriale sono diventati insostenibili e le aziende di consumo si trovano sotto forti pressioni. Per permette a Honor di continuare col suo lavoro, Huawei Investment Holding Go ha deciso di vendere l’intero patrimonio aziendale di Honor” le parole usate nell’annuncio ufficiale.

Gli acquirenti formeranno una società costituita da un consorzio di 30 agenti e distributori, tra i quali non ci sarà nessun rappresentante Huawei. Secondo i rumors pubblicati da Reuters, l’affare sarebbe stato concluso su una base di 15,2 miliardi di dollari.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> iPhone 12 Pro Max, tre smartphone hanno camera migliore per DXOMark