Huawei P50, rivelata una colorazione unica: prime foto dal vivo

Compaiono sul web le prime foto dei dispositivi Huawei P50: modulo fotocamera in evidenza ed una colorazione davvero unica.

Huawei P50 design
(Huawei)

La serie di dispositivi smartphone Huawei P50 è tre le più attese e discusse delle ultime settimane: dopo l’annuncio all‘evento di presentazione di Harmony OS lo scorso 2 giugno, l’anteprima del design ha suscitato speculazioni e speranze in tutti gli appassionati e, nonostante le preoccupazioni per l’incerta data di lancio (inizialmente programmata per la primavera di quest’anno), le indiscrezioni non hanno tardato ad arrivare.

Il rilascio è previsto per la fine di luglio con tre dispositivi, e pochi giorni fa il database TENAA ha registrato una variante 4G: oggi, sono comparse in rete le prime foto dal vivo di Huawei P50, che evidenziano il sofisticato modulo fotografico e rivelano una colorazione davvero particolare ed unica.

LEGGI ANCHE >>> Volantino Trony, iPhone 12 Mini a un prezzo imbattibile

Huawei P50, le prime foto rivelano una particolare colorazione rosa

Huawei P50 Rosa
Le prime foto dal vivo di Huawei P50 in rosa

La linea P50 si distingue per il modulo fotocamere davvero particolare, dotato di tre sensori in quello superiore ed un sensore telescopico con flash LED in quello inferiore. La fotocamera è firmata Leica: il brand ha rilasciato degli smartphone proprietari destinati al mercato giapponese, ma continua la partnership con Huawei per la serie P50.

Le foto rivelano una particolare colorazione rosa, accesa ed appariscente e, apparentemente, decorata con glitter, che aggiunge un’ulteriore singolarità al dispositivo.

Secondo le ultime indiscrezioni, gli smartphone P50 non saranno dotati di chipset per 5G: Qualcomm potrebbe fornire dei processori LTE Snapdragon 888 per una versione 4G, nel tentativo di circumnavigare i ban imposti dagli USA al produttore cinese, mentre le altre versioni dovrebbero ricevere il processore Kirin 9000 a 5nm.

LEGGI ANCHE >>> Facebook entra nel club esclusivo dei mille. Solo cinque Big Tech ci sono riuscite