HarmonyOS, il sistema operativo Huawei potrebbe debuttare sul P50

huawei android harmonyos
(AdobeStock)

HarmonyOS potrebbe fare la sua comparsa sul prossimo Huawei P50. Il colosso tecnologico cinese aumenta la velocità nell’andare verso la piena indipendenza da Android in tempi brevi, complice lo scontro a distanza ormai cristallizzato con Donald Trump e l’amministrazione americana.

Una mossa coraggiosa, il cui buon esito rimane per il momento una grande incognita. Se infatti in Cina Huawei non dovrebbe avere grosse difficoltà a diffondere un nuovo sistema operativo proprietario, nel resto del Mondo – Europa su tutti – convincere gli utenti a rinunciare (almeno per il momento) ai tanti servizi offerti da Google non sarà cosa semplice.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Huawei consentirà ad altri produttori l’uso di HarmonyOS

Huawei P50 potrebbe essere il primo smartphone equipaggiato con HarmonyOS

harmonyOS (Huawei)
harmonyOS (Huawei)

L’SDK per il nuovo sistema operativo è stato già distribuito agli sviluppatori, affinché possano lavorare alle app che popoleranno lo store ufficiale di Harmony. I primi feedback parlano di un software estremamente potente e flessibile, in grado di adattare in modo relativamente semplice le applicazioni inzialmente progettate per altre piattaforme, Android su tutte. Considerate le tempistiche dunque, il primo trimestre del 2021 potrebbe essere la finestra temporale ideale per assistere al debutto di HarmonyOS.

Huawei potrebbe sfruttare il lancio della famiglia di dispositivi P50, tradizionalmente un bestseller per il colosso cinese, per iniziare la diffusione di Harmony. Lancio che tuttavia, se questa fosse la strategia, potrebbe essere leggermente posticipato per permettere di avere già al Day-One una selezione di applicazioni soddisfacente. Un rollout indispensabile per presentarsi agli utenti con una valida alternativa ad Android, andando a sopperire a quelle lacune che inevitabilente segneranno  – almeno nelle fasi iniziali – il nuovo sistema operativo targato Huawei.

Archiviato il lancio e risolti i bug iniziali che tradizionalmente coinvolgono i nuovi OS si potrà passare alla fase forse più avvincente, vale a dire la fornitura di HarmonyOS ad altri produttori.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Xiaomi POCO X3 NFC, il miglior smartphone sotto i 250 euro – RECENSIONE