Greg, l’app che usa l’AI per la cura delle piante: 5.4 milioni di finanziamenti

Greg, l’app che usa l’AI per la cura delle piante, ha ricevuto un finanziamento di 5.4 milioni di dollari: “C’è bisogno che molte più persone capiscano il funzionamento di piante ed ecosistemi, in modo da poter prendere, come società, decisioni migliori nei prossimi 10 o 20 anni“, ha annunciato il CEO Alex Ross.

Greg app cura pianteGreg, l’app intelligente che usa il machine learning per la cura delle piante (Greg)

Greg, grow with confidence: l’applicazione intelligente per il micro giardinaggio ha annunciato l’ottenimento di 5.4 millioni di dollari di finanziamenti di avviamento. Con il supporto di Index e First Round Capital, il team di Greg è guidato da esperti e consulenti tra cui Elie Seidman, ex-CEO di Tinder, Eliza Blank, fondatrice del servizio di plant delivery The Sill, ed il famoso “plant-stagrammer”, l’influencer Darryl Cheng che ha oltre 600.000 follower su Instagram.

La funzione principale dell’app sono i promemoria che ricordano agli utenti quando annaffiare le proprie piante: poiché ogni pianta ha dei bisogni particolari e tempi diversi, le notifiche si basano sulle informazioni nel database di Greg, che tiene conto delle necessità di luce ed acqua di ogni specie inserita dagli utenti. Con le informazioni aggiuntive della propria posizione geografica e della vicinanza ad una fonte di luce, l’applicazione è in grado di dare consigli personalizzati, e mandare dei promemoria per aiutare gli utenti a mantenere il giusto regime di cure per le piante. Inoltre, Greg dispone anche di un discovery feed che consente di condividere foto delle proprie piante.

Ogni interazione degli utenti – 50,000 attivi mensilmente – aiuta l’AI di Greg a diventare più intelligente: foto condivise, conferme di aver innaffiato le piante, o anche ignorare i promemoria, sono tutte azioni che consentono all’AI di imparare come far crescere sempre più efficientemente le piante appartenenti alle specie nel suo database. Le specie sono ormai oltre 4,000, sulla base di 2 milioni di interazioni.

L’AI funziona secondo l’algoritmo sviluppato dalla FAO per stimare il consumo d’acqua nei raccolti: più dati Greg interpreta, più i suoi suggerimenti saranno accurati ed efficienti. Il CEO e co-founder Alex Ross ha paragonato questo modello all’app Waze: quante più informazioni sul traffico vengono inserite dagli utenti, tanto più le indicazioni dell’applicazione diventano precise.

LEGGI ANCHE >>> Poparazzi è il social “che funziona al contrario”: l’app pronta a spopolare

AI per l’ambiente: l’app Greg punta alla sensibilizzazione sui temi ambientali

Cura delle piante App Greg
Sull’app si possono condividere foto delle proprie piante e consigli per gli altri utenti (Unsplash)

Similmente, la quantità di dati analizzata da Greg aiuta la compagnia Gregarious, Inc., fondata come società di pubblica utilità che mira a mitigare gli effetti del cambiamento climatico sugli ecosistemi: l’acquisizione di informazioni sulle cura delle piante contribuisce così sia alla sensibilizzazione sui temi ambientali, che ai futuri progetti del team di Greg in difesa dell’ambiente.

L’ulteriore missione di Greg è infatti la costruzione in futuro, di una piattaforma ancora più sofisticata ed avanzata che raccolga più dati sulla vegetazione di ogni altra tecnologia esistente al momento, per creare sempre più opportunità di crescere, per tutte le forme di vita.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Twitter Blue in arrivo, abbonamento mensile per account premium