Green Pass direttamente sul braccio: l’assurda trovata di un ragazzo

Incredibile ma vero. Un ragazzo ha deciso di tatuarsi il Green Pass direttamente sul braccio, così da averlo sempre con sé

green pass braccio
Un ragazzo di Reggio Calabria ha deciso di tatuarsi il Green Pass sul braccio (screenshot Facebook)

Da ormai oltre 10 giorni, esibire il Green Pass è diventato obbligatorio per accedere a molte delle attività più comuni. Dai bar e ristoranti al chiuso ai musei, passando per fiere, sagre, eventi sportivi e molto altro. Per ottenere il documento, bisogna aver ricevuto almeno una dose di vaccino, essere guariti dal Covid o essersi sottoposti ad un tampone negativo nelle 48 ore precedenti.

Ci sono diversi metodi per ottenere subito il documento con il QR Code, che vanno dall’App Io all’App Immuni, ma anche il portale web apposito o il tradizionale foglio stampato. Da Reggio Calabria arriva però una storia che ha dell’assurdo. Un ragazzo ha trovato un metodo alternativo per avere il certificato verde sempre con sé: tatuarselo sul braccio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Apple Watch sempre più alleato della salute: Apple brevetta uno stravagante sensore

Green Pass, un ragazzo se l’è tatuato sul braccio: “Così è sempre con me”

green pass braccio
Il tutto è stato poi mostrato su Facebook con un video (screenshot Facebook)

Il video è stato condiviso su Facebook ed è già diventato virale: un ragazzo ha deciso di tatuarsi il suo Green Pass sul braccio.Abbiamo appena completato l’opera, è il modo più veloce per tenerlo sempre con me” ha scritto nella didascalia. Come si può evincere dalle immagini pubblicate, il QR Code funziona veramente ed è a tutti gli effetti utilizzabile per avere accesso alle attività sopraindicate.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> FBI, un errore prolungato: in rete una lista segreta di quasi due milioni di persone

Va però detto che, nel momento in cui è stato registrato il video, l’app VerificaC19 ancora non riusciva a validarlo. Probabilmente perché l’intestatario si era vaccinato da meno di quindici giorni. C’è però un punto che va a sfavore di questa trovata assurda. L’esigenza di eseguire una doppia scansione finisce per inficiare l’utilità del tutto. L’utente in questione dovrà comunque mostrare il documento da smartphone o foglio stampato. A questo punto, ci auguriamo che questa persona abbia voluto fare uno scherzo e che si tratti semplicemente di un tatuaggio temporaneo.