GPS impazziti: alcuni escamotage per tamponare i problemi

Il 2021 inizia nel peggiore dei modi per migliaia di chip, mal funzionanti a causa di una connessione satellitare GPS completamente errata.

GPS (Adobe Stock)
GPS (Adobe Stock)

Se ne sono accorti i runner di mezzo mondo, che hanno mostrato sui forum e su Twitter dei percorsi che, secondo quanto visualizzato, sarebbero stati fatti in gran parte in mare. I localizzatori GPS affetti dal problema, inoltre, sono tra i più usati negli smartwatch, nelle fitness band, nei computer e nelle bike.

GPS Sony, where is the problem?

GPS Garmin (Adobe Stock)
GPS Garmin (Adobe Stock)

Garmin Forerunner 45/245/745/945, Fenix 6, MARQ, Vivoactive 3 e 4, Venu, Edge 130 Plus 530/830/1030 Plus. Non solo i dispositivi della società statunitense con sede nell’Area metropolitana di Kansas City, che sviluppa tecnologie di aviazione e commerciali per GPS. Anche Polar Vantage V/M/V2, Polar Grit X. E ancora: Polar Ignite Suunto 5 e Suunto 9, Wahoo RIVAL e alcuni orologi multisport di COROS. Tutti con dei grossissimi problemi di localizzazione. Praticamente impazziti, nonostante il chip di Sony (uno dei maggiori produttori al mondo) sia ok.

LEGGI ANCHE >>> Attacco hacker a Microsoft ha interessato il codice sorgente dell’azienda

Il problema in se e per sé non è il sistema di posizionamento e navigazione satellitare, bensì il file che archivia le effemeridi, ovvero quelle tabelle che contengono valori calcolati di diverse grandezze astronomiche variabili: magnitudine, parametri orbitali, coordinate, distanza di pianeti, comete, asteroidi e satelliti artificiali e magnitudine di stelle variabili.

LEGGI ANCHE >>> L’offerta di Discovery+ al debutto il 4 gennaio

Garmin prova a risolvere il problema, consigliando di aspettare qualche minuto con il dispositivo acceso e il GPS attivato, sicuro che il GPS non calcolerà la posizione di partenza in base al file corrotto, ma in base alla posizione reale del satellite al quale, nel frattempo, si sarà connesso. Un trucchetto, un palliativo.

Per risolvere il problema servirà un aggiornamento del firmware, per il quale i principali produttori di smartwatch, fitness band e computer portatili per lo sport sono già al lavoro.