Google, se una rata rimane insoluta limita lo smartphone

Google
Google limita smartphone rate insolute (pixabay)

Google si prepara ad un’operazione molto restrittiva nel caso in cui anche solo una rata non venga saldata. La conseguenza è la limitazione dello smartphone

La soluzione d’acquisto a rate, finanziamento o carta di credito, è molto apprezzata da moltissimi utenti in tutto il mondo. Difatti questa tipologia di pagamento agevola molto la possibilità di poter acquistare un dispositivo, anche molto costoso, senza dover necessariamente sborsare una somma ingente di denaro sin da subito.

Ma se qualche rata rimane scoperta? Cosa succede? A quanto pare Google sta dirigendo la propria scelta verso la possibilità di poter bloccare e limitare alcune funzionalità del device se questo accade. Si tratta di un’indiscrezione basata sulla presenza nello Store dell’app Device Lock Controller.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Google Stadia, arriva il Family Sharing: funzionalità e limitazioni

Google, Device Lock Controller limita lo smartphone insoluto

Google
Google limita smartphone rate insolute (pixabay)

La cosa particolare è che cercandola direttamente sulla barra ricerca non esce nulla, ma esiste un link diretto che porta direttamente alla pagina destinata al download dell’app in questione.

L’app in questione è molto particolare in quanto non è direttamente il produttore del telefono a prendere il controllo, ma il provider al quale è collegato il piano di finanziamento. Difatti il gestore stesso è in grado, attraverso l’app, di limitare l’utilizzo del dispositivo se non si rispetta il pagamento della o delle rate previste. Le funzionalità lasciate attive in caso di limitazione sono le chiamate d’emergenza e le impostazioni del device.

Il colosso di Mountain View ha affermato che la presenza sullo Store è un errore in quanto non dovrebbe esserci. Non è dato sapere se sia limitata a determinati operatori o meno, ma quello che si sa è che dopo 4 giorni di insoluto lo smartphone viene limitato.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Google Foto, nuovo update: le novità per gli abbonati Google One