Google, niente più sms ma Rcs per garantire la privacy

Google cambia completamente le carte in tavola e dice addio agli sms. Un nuovo sistema di messaggistica per Android con app Messaggi

Google decide di sfidare apertamente Apple e la sua app di messaggistica nativa, iMessage. La nuova soluzione per Android si chiama app Messaggi con tanto di crittografia end-to-end. Nello specifico si tratta del passaggio dai semplici messaggi ai nuovi Rcs (Rich Communications Services).

Si tratta di un’azione intrapresa da circa due anni e che, finalmente, porta a compimento a livello mondiale. Una nuova tipologia di invio e ricezioni di sms con lo scopo primario di preservare la privacy e la sicurezza. Tante funzionalità che permettono di implementare l’esperienza utente.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Google Pay, update in arrivo: cambia il modo di effettuare pagamenti

Google, il passaggio ufficiale agli Rcs

Google
Google app Messaggi in Rcs (screenshot via Google)

Quindi una nuova ed inedita app che permette di far comunicare tra loro gli utenti di tutto il mondo, sempre senza venir meno a sicurezza e funzionalità. Google ha lavorato molto al progetto fino a che non si è concretizzato. Dal nome semplice, Messaggi, ma dalle caratteristiche veramente impressionanti è la soluzione che è riuscita a creare. Una comunicazione non solo per contenuti testuali, ma anche video e foto senza venir meno agli audio. In poche parole, tutto quello che serve e si è abituati ad utilizzare.

Parlando di funzionalità il suo supporto del Wi-Fi al 100% permette di poter controllare l’effettiva visualizzazione dei messaggi inviati, aggiungere persone alle chat, una lista di emoji molto completa e anche di visualizzare la digitazione della risposta in tempo reale. Dopo il periodo di test effettuato nell’anno precedete negli USA, ora è pronta per il mercato globale.

In ultima battuta, non certo per importanza, la crittografia end-to-end prevede il completo rispetto della prviacy degli utenti. Per essere più precisi è la stessa adottata da WhatsApp ed iMessage (Apple). Tale crittografia prevede che il colosso di Mountain View non possa leggere in nessun modo i messaggi che vengono scambiati tra gli utenti, ovviamente neanche da altri se non i diretti interessati.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Microsoft e Google, minaccia phishing: molti account a rischio