Google Play Points sbarca in Italia: che cos’è e come funziona

Google Play Points sbarca anche in Italia: ecco come funziona il programma che premia gli utenti Android.

Google Play Points che cos'è
Android (PixaBay)

Google Play Points arriva finalmente anche in Italia a circa un anno e mezzo di distanza dal suo debutto ufficiale, dapprincipio localizzato in America e in alcuni altri territori extra-europei. Il colosso di Mountain View si è dunque deciso ad estendere la disponibilità del suo inedito programma, volto a premiare gli utenti Android che sono soliti spendere denaro per acquistare giochi e applicazioni dallo store ufficiale del “robottino verde”.

Google Play Points può infatti essere ascritto nel novero dei servizi di fidelizzazione elaborati dall’azienda statunitense nell’ambito del suo diffusissimo sistema operativo mobile, giacché offre la possibilità agli utenti di accumulare punti – variamente congegnati a seconda del credito speso – che potranno essere riscattati e utilizzati per differenti finalità: si pensi, ad esempio, ad esclusivi coupon, oppure ad acquisti all’interno di una stessa applicazione; si potrà, ad ogni buon conto, convertire i punti in credito spendibile su Google Play, al fine di effettuare nuovi acquisti di app e giochi. Un modo virtuoso, se vogliamo, per incentivare gli utenti ad effettuare acquisti all’interno dello store ufficiale di Android e, consequenzialmente, supportare gli sviluppatori che realizzano applicazioni a pagamento, magari perché sprovviste di annunci pubblicitari od in quanto dotate di funzionalità esclusive.

L’Italia va ad aggiungersi ad una “flotta” che comprende ben tredici paesi, di cui dieci europei: il nostro territorio va infatti ad affiancarsi alla Danimarca, Grecia, Olanda, Svezia e Svizzera, tanto per citare le ultime aggiunte in ordine cronologico.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Google Messaggi saluta gli smartphone Android non certificati

Cashback nella prima settimana di utilizzo

Google Play Points come funziona
Una panoramica di Google Play Points (Fonte: Blog Google)

Il meccanismo di funzionamento di Google Play Points è spiegato all’interno della pagina di supporto di Google. In buona sostanza, gli utenti inizieranno a guadagnare un punto per ogni euro speso sullo store ufficiale di Android. Al fine di incentivare ulteriormente il servizio e propagandare in modo generale l’approdo del programma, l’azienda americana ha deciso di attivare una sorta di “offerta di benvenuto” valida durante la prima settimana di adesione: ogni acquisto effettuato nell’appena menzionato arco temporale darà infatti diritto a tre punti bonus. Una sorta di “cashback”, tanto per citare una parola assai in voga nell’ultimo periodo, che permetterà di rimpinguare il misura maggiore il tesoretto personale.

L’accumulo dei punti sarà scadenzato nell’anno solare e l’utente potrà peraltro salire di livello, così da ricevere ulteriori punti e vantaggi: basti considerare, infatti, che più alto è il livello raggiunto, maggiori sono i guadagni accumulati. Vale altresì la pena sottolineare che i punti acquisiti durante il corso dell’anno non andranno perduti, ma conservati anche per l’anno successivo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Android 12 manda in letargo le app inutilizzate

Per poter aderire a Google Play Points sarà sufficiente seguire i passaggi riepilogati appresso: basterà aprire il Play Store sullo smartphone Android, cliccare sul menù laterale (per inciso le tre linee orizzontali), selezionare la sezione “Punti” e cliccare infine su “Partecipa”. Non disperate se non riuscite a visualizzare la nuova categoria: potrebbe volerci infatti qualche ora prima che le modifiche raggiungano la totalità degli smartphone.