Google Pixel 6 Pro, il comparto fotografico sarà spettacolare: le novità per i selfie

Con i suoi Pixel 6 Pro, Google ha deciso di puntare parecchio sul comparto fotografico. Ecco tutti i segreti per scatti selfie perfetti

Qualche giorno fa, Google ha presentato ufficialmente i nuovi Pixel 6 Pro. Device di fascia alta, punteranno parecchio sul comparto fotografico con caratteristiche tecniche da top di gamma. Abbiamo già parlato della fotocamera posteriore, con tecnologie in grado di rendere gli scatti finali praticamente perfetti.

google pixel 6 pro 20220202 cellulari.it
Sono spuntati nuovi dettagli in merito ai scatti selfie ritratto con Google Pixel 6 Pro (sreeenshot)

Ma il team di Mountain View si è concentrato anche sui selfie e, nello specifico, sui ritratti con la fotocamera frontale. Stando a quanto si legge in un recente post pubblicato sul blog ufficiale, i sensori di grandi dimensioni con tempo di apertura breve potranno essere sfruttati in maniera completa dagli utenti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> YouTube, importanti novità grafiche su Android e iOS: le avete ricevute anche voi?

Google Pixel 6 Pro, i segreti per selfie ritratto perfetti

google pixel 6 pro 20220202 cellulari.it
Tra intelligenza artificiale e software avanzati, si otterranno risultati praticamente perfetti (screenshot)

Per ottenere ritratti praticamente perfetti, Google ha lavorato moltissimo sul riconoscimento dei contorni con i suoi sensori da top di gamma dei Pixel 6 Pro. Si è deciso per prima cosa di potenziare gli algoritmi di intelligenza artificiale, così da avere un riconoscimento dei contorni di volti e capelli perfezionato. Sono stati effettuati tantissimi scatti su stessi soggetti da diverse angolazioni, utilizzando un marchingegno molto avanzato e strano alla vista.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Sony Xperia 1 IV: il nuovo smartphone per i fotografi è sempre più vicino

In secondo luogo, Google ha deciso di implementare una catena software che elabora prima l’immagine e poi lo sfondo sfocato. Ma non solo, perché l’algoritmo si occupa poi di dare vita ad una maschera di sfocatura partendo proprio dalla prima immagine. Grazie all’analisi dei contrasti cromatici e di supporto all’intelligenza artificiale, sarà possibile ottenere una sfocatura praticamente perfetta. Tramite il blog ufficiale dell’azienda, possiamo già da ora accedere ad alcune immagini dimostrative di quella che sarà la resa finale con gli smartphone in questione. Non resta che provare il tutto con mano per vedere effettivamente quali sono i vantaggi di una tecnologia dal livello così avanzato.