Google Meet, novità in arrivo: si potrà “alzare la mano” per intervenire

google meet
Google Meet, con l'ultimo aggiornamento si potrà alzare la mano (Google Meet)

Google Meet, in arrivo un’interessante novità. Ora per richiedere di intervenire sarà possibile alzare la mano direttamente dall’app

Soprattutto negli ultimi mesi, le varie piattaforme di videocall hanno ottenuto un boom di utenti con ben pochi precedenti. L’emergenza Covid e il divieto di spostamenti hanno spinto istruzione e lavoro a reinventarsi con videochiamate direttamente da casa. Tra i vari colossi di questo mondo, ci sono sicuramente Skype, Teams e Google Meet.

Il software di Big G sta implementando alcune interessanti novità per tutti i propri utenti, che si stanno rivelando sempre più utili e funzionali. A queste, il colosso di Mountain View ne ha annunciata una nuova che è già stata richiesta più volte nei mesi passati: alzare la mano per intervenire. Ecco come sfruttare il nuovo pulsante direttamente dal programma.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Whatsapp, sticker personalizzati: come crearli e stupire gli amici

Google Meet, ecco come alzare la mano per intervenire

google meet
Come sfruttare al meglio la nuova funzione (Google)

Con l’ultimo aggiornamento, Google Meet ha implementato un nuovo pulsante che permetterà di alzare la mano e richiedere di intervenire in “maniera pacifica”. Per usufruire della feature basterà cliccare sull’icona relativa al comando, che si trova nella parte inferiore dell’interfaccia. Con un altro click su di essa, verrà annullata la richiesta di intervento. In questo modo, non si disturberanno più gli altri partecipanti nel corso di una riunione, di una videoconferenza o di una lezione online.

Chi organizza o modera il meeting, inoltre, avrà un pannello di controllo dal quale osservare una sorta di riepilogo di chi ha chiesto la parola, in ordine cronologico. La disponibilità – come si legge dal blog ufficiale di Google – è immediata ed utilizzabile sin da subito.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> 5G, come verificare la copertura in Italia e nel mondo