Google Maps aiuta il vaccino, nuove funzioni in arrivo

Google Maps si schiera dalla parte delle persone e del vaccino contro il Covid-19, aiutando a capire come muoversi. 

Google Maps
Google Maps aiuta il vaccino (Pixabay)

Il Covid-19 ha purtroppo cambiato nettamente le nostre vite, portandoci a fare delle importanti riflessioni per quanto concerne la Sanità del nostro Paese e mondiale. La situazione è stata veramente molto difficile e ora non siamo fuori dal pericolo, anzi. E’ un momento delicatissimo, in cui i vaccini stanno venendo man mano somministrati. Ma ci vorrà tempo prima che potremo finalmente affermare di essere usciti da questa pandemia che ha cambiato la nostra vita, e soprattutto di poter affermare di essere veramente al sicuro. E fino ad allora ci saranno ancora tante vaccinazioni da organizzare, scorte da ricevere, punti da selezionare e persone da selezionare. Per cercare di rendere le procedure più semplici al cittadino comune, che deve districarsi tra mille cose diverse, Google Maps ha deciso di aumentare gli usi di Maps. Che presto potrebbe diventare un alleato estremamente prezioso del vaccino e delle persone comuni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> TikTok, numero di telefono a rischio per una vulnerabilità ora risolta

Google Maps aiuta il vaccino, nuove funzioni in arrivo

Covid-19 vaccino
Covid-19 vaccino (Pixabay)

Google Maps è una piattaforma molto utilizzata come navigatore. Per coloro che non conoscono bene le strade o non sanno esattamente come muoversi in un posto, questo tipo di aiuto fornito da Big G cambia la vita. Ebbene ora il colosso tech ha comunicato che Google Maps sarà arricchito con nuove funzioni.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Dati di Facebook in vendita su Telegram: 500 milioni di utenti a rischio

Verranno indicati sulla mappa i punti i cui sarà possibile vaccinarsi, le strade da percorrere, le regole regionali e statali in merito agli spostamenti in quel punto. Parliamo di una rivoluzione totale, che ovviamente richiederà tempo e sperimentazione prima in America. Pertanto l’Italia non beneficerà di questo servizio prestissimo, ma in futuro potrebbe comunque aiutare tante persone nel processo di somministrazione del vaccino contro il Covid-19.