Google Foto, nuovo servizio in abbonamento con machine learning

Goole Foto (via Adobe)

Google Foto si arricchisce con un nuovo servizio che Big G sta fornendo a tantissime persone, dietro un canone mensile piuttosto basso.

Google è uno dei colossi a livello mondiale del tempo tecnologico e per questo tenta sempre di sperimentare e di osare, proponendo cose nuove ai suoi tantissimi utenti. Grazie al motore di ricerca più utilizzato al mondo, infatti, Big G sa benissimo quello che le persone vogliono, cosa comprerebbero, quali sono gli interessi più comuni. Senza dubbio una delle cose che più piace fare agli umani è scattare fotografie, farsi delle fotografie, conservarle per aprire, di tanto in tanto, il cassetto della memoria. E per questo in America Google Foto sta vivendo in questo momento una fase di sperimentazione, per comprendere se il servizio possa funzionare e se e come espanderlo al resto del mondo. Ma cos’è e come funziona esattamente questo nuovo servizio?

LEGGI ANCHE —> iPhone 12 Pro MAX, agli indiani conviene volare a Dubai. E agli italiani?

Google Foto, nuovo servizio in abbonamento con machine learning

Tramite il cloud di Google in tantissimi conservano e salvano migliaia di fotografie. Pertanto l’azienda americana ha sviluppato un algoritmo capace di comprendere quali sono i colori più usati, le ambientazioni migliori, le composizioni più apprezzate. In questo modo, attraverso il machine learning, è stato sviluppato il programma Premium Print. Per il costo di 6.99 dollari al mese, Google Foto raccoglierà 10 delle foto più belle che caricherete ogni mese e ve le manderà a casa stampate e incorniciate. Ovviamente potrete disdire l’abbonamento quando vorrete, a costo zero. Per ora, per, questo servizio è in sperimentazione soltanto negli USA. Se questa prima fase sarà un successo, presto potremmo vederne l’ampliamento anche in Europa e forse in Italia, con i mobili che torneranno a riempirsi di fotografie e ricordi felici.

LEGGI ANCHE —> Svezia banna il 5G: tutte le antenne Huawei verranno rimosse