Facebook si stacca da Messenger? In arrivo una funzione super e “indipendente”

Presto su Facebook dovrebbe arrivare una funzione che riguarda la messaggistica ma è “indipendente” da Messenger. Tutti i dettagli

facebook
Sta per arrivare su Facebook una novità indipendente da Messenger (Adobe Stock)

Una grossa novità quella che sta per arrivare su Facebook. Andrà ad interessare principalmente il “settore” della messaggistica anche se – piuttosto a sorpresa – non la sua app di riferimento Messenger. Già da ora, infatti, gli utenti di alcune nazioni possono effettuare chiamate e videochiamate direttamente dall’app.

Una mossa pensata per ridurre la necessità di passare da una piattaforma all’altra, con un taglio netto rispetto a quanto accade dal 2014. Ancora non è chiaro se e quando il tutto arriverà anche in Italia, ma sicuramente una notizia di questo tipo non potrà che far piacere soprattutto agli utenti più “nostalgici” di quello che era il servizio negli anni passati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>  Al debutto il nuovo bonus per sostituire la tv: tutto quello che occorre sapere

Facebook, al via le chiamate e videochiamate direttamente dall’app

Facebook spionaggio
Sarà possibile effettuare chiamate e videochiamate direttamente dall’app (Unsplash)

Intervenuto ai microfoni di Bloomberg, il Director of Product Management di Messenger Connor Hayes ha parlato della nuova funzione in mente per la piattaforma. L’idea sembra essere quella di trasformare Messenger in un servizio aggiuntivo piuttosto che in un’app indipendente. Una sorta di “tessuto connettivo” per permettere alle persone di parlare senza tener troppo conto del servizio utilizzato. Questa ultima mossa di implementare le chiamate e le videochiamate all’app nativa non fanno altro che confermare la direzione ormai intrapresa dalla società.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Il piano di Mastercard per rivoluzionare il settore delle carte di credito: tutti gli step del progetto

Basti pensare al collegamento tra le chat di Instagram e Messenger avvenuto lo scorso anno, che permetterebbero agli utenti di una piattaforma di chattare con quelli dell’altra e viceversa. L’idea è quella di semplificare sempre di più la comunicazione, non ponendo paletti ma permettendo agli utenti di passare da un servizio all’altro senza alcun intoppo fastidioso.

Una mossa che però sta attirando anche l’interesse delle autorità giudiziarie negli Stati Uniti, dove la Federal Trade Commission e 48 Stati hanno fatto causa proprio a Facebook. L’accusa sarebbe quella di schiacciare la concorrenza più piccola per lo spin-off forzato dei servizi di messaggistica di Instagram e WhatsApp.