Facebook, Instagram e Whatsapp: cambia tutto per le app di Zuckerberg | Utenti disperati

Le tre app principe del colosso di Zuckerberg continuano a registrare numeri pazzeschi. Ma c’è una novità dell’ultima ora che non lascia ben sperare gli utenti dei social network in questione. Ecco tutti i dettagli

Il gruppo Meta continua ad essere uno dei più acclamati ed apprezzati dell’interno web. Mark Zuckerberg ha saputo nel corso degli anni mettere in piedi un sistema praticamente perfetto, fatto di servizi che possano in tutto e per tutto soddisfare le esigenze degli utenti.

meta 20220903 cellulari.it
Brutte notizie per tutti gli utenti che sono soliti utilizzare le piattaforme di Meta. È previsto un aumento dei costi (Adobe Stock)

Per i più adulti c’è il classico Facebook, per chi vuole sfruttare – oltre ai post – storie e messaggi privati c’è Instagram, per chi vuole messaggiare e chiamare in tempo reale c’è WhatsApp. Le novità in studio da parte del team di sviluppatori sono diverse, e andranno a rendere le tre piattaforme ancor più complete.

Facebook, Instagram e Whatsapp: brutte notizie in arrivo per gli utenti

C’è però da dire che, come in realtà sta succedendo a diverse realtà, anche le tre piattaforme di Mark Zuckerberg non stanno vivendo uno dei migliori periodi in assoluto per ciò che riguarda la spesa pubblicitaria. Stando a quanto riferisce The Verge, del fenomeno si sono ovviamente accorti i piani alti di Meta, che ora stanno studiando alcune controffensive per cercare di risollevare la situazione. Pare infatti che sia stato messo in piedi un team pensato esclusivamente per lo sviluppo di nuovi prodotti.

meta 20220903 cellulari.it
Ecco tutto quello che c’è da sapere a riguardo (Adobe Stock)

La divisione si chiamerà New Monetization Experiences e sarà guidata dall’esperto Raychoudhury. “Vediamo opportunità su nuovi prodotti, funzionalità ed esperienze per cui le persone sarebbero disposte a pagare” ha spiegato il vicepresidente dell’organizzazione John Hegeman. Dunque, l’idea è quella di inserire funzionalità a pagamento per Facebook, Instagram e Whatsapp.

Questo per far fronte anche alle diverse contrazioni che sta vivendo il settore, oltre alla modifica firmata con Apple che dà la possibilità ai consumatori di non fornire informazioni dettagliate agli inserzionisti. “Su un orizzonte temporale di cinque anni, penso che possa davvero muovere l’ago e fare una differenza piuttosto significativa” ha sottolineato lo stesso Hegeman, spiegando come il progetto in questione dovrebbe poter far trarre benefici immediati e tangibili a tutto il gruppo Meta. Staremo a vedere in che modo si evolverà la situazione e se effettivamente si potrà parlare di upgrade.