Facebook ha censurato qualsiasi notizia in Australia: svelato il motivo

Da oggi, gli utenti di Facebook in Australia non possono più accedere ad alcuna notizia sul social network. Svelato il motivo

facebook
Facebook, censurata qualsiasi notizia in Australia: ecco il motivo (Adobe Stock)

Un risveglio con sorpresa per gli utenti di Facebook Australia: da questa mattina, qualsiasi notizia riportata sul social network è stata oscurata. Gli editori australiani non hanno più la possibilità di pubblicare news sulle pagine della piattaforma, che risultano essere “Ancora senza post“. La decisione è stata presa direttamente dal gruppo di Mark Zuckeberg, con conseguenze immediate per gli utenti australiani.

Non sarà più possibile utilizzare il social network per informarsi. Una svolta molto importante, che stravolge il normale uso della piattaforma. Pare che le motivazioni dietro questa decisione siano di carattere economico. Per quanto le notizie aumentino il tempo di permanenza degli utenti sul sito (e sull’app), gli introiti per gli editori sono pari a zero. Al tempo stesso, l’obiezione di Facebook è: con i link pubblicati, gli utenti accedono alle pagine delle testate e portano a profitti con gli annunci pubblicitari.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Steve Jobs, messa all’asta la sua prima domanda di lavoro

Facebook, addio alle notizie in Australia: il motivo

L'Antitrust contro Facebook (image from agcm.it)
Le lamentele degli editori (image from agcm.it)

Con un blocco in vigore da questa mattina, su Facebook Australia non è più possibile accedere ad alcuna notizia, comprese quelle relative al Covid-19. Una decisione di carattere economico, con il social network che si lamenta di fungere da “volano” per le testate. Al tempo stesso, gli editori si lamentano di non ricevere un euro dal colosso di Zuckerberg, nonostante la presenza delle notizie aumenti di molto la permanenza delle persone sul sito.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Privacy, il tracciamento via email passa per un pixel

In realtà, è difficile quantificare quante persone effettivamente clicchino sui link delle testate e quanti invece si limitino a leggere titolo e anteprima, portando introiti esclusivamente al social network. Sta di fatto che il gruppo di Zuckerberg ormai ha deciso per il blocco totale delle news in Australia. Già a partire da oggi, non solo le testate locali non potranno pubblicare notizie sulle proprie pagine, ma al tempo stesso gli utenti non visualizzeranno più link provenienti da qualsiasi parte del globo. 

Sono già tantissime le segnalazioni arrivate da pagine governative, associazioni sindacali, enti pubblici e così via. Facebook è uno strumento fondamentale anche per diffondere informazioni veloci sulla pandemia. Col blocco attuato in Australia, anche questo tipo di notizie non è più condivisibile.