Diritti TV della Serie A: c’è l’ipotesi canale ufficiale della Lega

Torna a far discutere il tema diritti TV della Serie A. È stato svelato il bando per il triennio 2021-2024, e si parla di un canale della Lega 

diritti tv serie a
Diritti TV Serie A, c’è l’ipotesi del canale tematico della Lega (Getty Images)

Si riapre la sfida per ottenere i diritti TV della Serie A. La Lega ha appena svelato i bandi per la concessione del triennio 2021-2024: l’obiettivo è quello di ottenere 1,15 miliardi di euro. Per la presentazione ufficiale delle offerte, il periodo indicato è quello che va dal 22 al 26 gennaio 2021. Per quanto riguarda la “modalità di vendità”, invece, c’è la possibilità di dividere i match per piattaforma o per pacchetti di partite.

La Lega ha inoltre spiegato come ci saranno tre fasi distinte di vendita. La prima è dedicata ai grandi broadcaster, mentre poi ci si allargherà agli intermediari indipendenti e si concluderà con un’ipotesi che sta prendendo quota: il canale tematico della Lega.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Mistero Jack Ma: silenzio assordante sul fondatore di Alibaba

Diritti TV della Serie A, le ipotesi al banco

serie a
Novità attese nelle prossime settimane (Getty Images)

Per i diritti TV della Serie A, gli interessati dovranno presentare la loro offerta per il triennio 2021-2024 entro e non oltre il 26 gennaio prossimo. Le ipotesi sono diverse, e negli ultimi giorni sta prendendo quota anche quella di un canale tematico ufficiale della Lega. Si tratta di una possibiità non da escludere, in quanto qualora Sky si aggiudicasse i diritti del primo pacchetto, sarebbe costretta a cedere l’esclusiva di internet.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> WhatsApp e il record di Capodanno: 1,4 miliardi di chiamate vocali in una notte

A questo punto entrerebbe in gioco la Lega stessa, che potrebbe ottenere l’esclusiva e trasmettere alcuni match del campionato sui propri canali. Ricordiamo che il bando è composto da tre pacchetti: il primo parte da 750 milioni di euro annui con 266 partite, il secondo da 250 milioni di euro con 114 partite e il terzo sempre da 250 milioni di euro con 114 partite ma solo via internet.