DAZN, futuro prossimo: via da SKY, tutto su TIM e (anche) sul Digitale Terrestre

Sette partite del campionato di Serie A, per il prossimo triennio, 2021-2014. Tre, sempre a giornata, in co-esclusiva. L’assegnazione dei pacchetti 1 e 3 dei diritti tv della Lega, comporta dei radicali cambiamenti in seno a DAZN, a prescindere dal pacchetto 2, ancora da assegnare e per il quale la Lega dovrà aprire un nuovo bando, dopo il secondo no a SKY. Tant’è.

Dazn, via da SKY (Adobe Stock)
Dazn, via da SKY (Adobe Stock)

I rapporti fra SKY e DAZN non sono affatto buoni, erano competitor fino al 29 marzo, per cui tutto lascia presagire che il 30 giugno 2021 cesserà automaticamente la validità del voucher SKY-DAZN, che non verrà rinnovato. Il che comporta l’addio al canale 209 presenta sul bouquet di SKY, decoder Sky Q e dispositivi NOW Smart Stick e NOW Box, compresi.

DAZN, dove si continuerà a vedere l’applicazione. No alla vendita di gare singole

DAZN, il logo (Adobe Stock)
DAZN, il logo (Adobe Stock)

Dal Primo Luglio, quindi, l’applicazione DAZN dovrebbe passare tutta su TIM, il partner forte, forse decisivo in sede di assegnazione dei diritti tv da parte della Lega.

LEGGI ANCHE >>> Europei di calcio in RAI, su SKY. Ma anche su Tivùsat in 4K

Nel caso in cui tutto ciò fosse ufficiale, si saprà realmente soltanto l’1 luglio, l’applicazione DAZN resterà disponibile sui seguenti dispositivi: Amazon Fire TV Stick, Android, Apple TV, Google Chromecast, LG Web OS TV, Panasonic Smart TV, Samsung Tizen TV, Sony’s Android TV, Hisense Smart TV, TIM Box, Playstation 4/4Pro/5, Microsoft Xbox One/One S/One X/Series X/Series S, tablet Amazon Fire OS, smartphone/tablet Android, Apple iPhone/iPad.

LEGGI ANCHE >>> iPad Pro 2021, ecco perché il debutto è ormai vicinissimo

L’alleanza con Tim sarà molto importante per il loro know how, come più volte ribadito nelle molte intervista rilasciate da Veronica Diquattro, vice presidente esecutivo per il Sud Europa a DAZN.

Naturalmente lo sviluppo della banda larga è molto importante, ma intanto DAZN si sente al sicuro sulla copertura della rete, definita ampia e rassicurante nonostante vi siano ancora molte aeree senza rete. In quel caso si “appoggerà” al Digitale Terrestre.

Tanti, comunque, ancora i dubbi da fugare, sia dal punto di vista tecnologico sia su di una questione che sta più a cuore ai tifosi, o semplici appassionati, di calcio: quanto costerà l’abbonamento? Si parla di 30-35 euro anche se DAZN ha ammesso che adeguerà il prezzo direttamente proporzionato alla crescita (inevitabile) dell’offerta.

Si pensa ad abbonamenti mensili e non vincolanti, che si potranno disdire in qualsiasi momento, nel più classico degli stili OTT. L’unica certezza, ad oggi, è che non saranno vendute partite singole. Per tutto il resto ci sarà DAZN, con le sue ufficialità.